Terraferma’ è il candidato italiano agli Oscar

Inviare ad un amico

Inviare questo articolo ad un amico.

Il regista Emanuele Crialese

ROMA – ‘Terraferma’ di Emanuele Crialese è il candidato italiano agli Oscar per il miglior film in lingua non in inglese. Crialese ha “battuto” Nanni Moretti in corsa per la cinquina con 'Habemus Papam'. Se il film di Crialese entrerà in lizza per l'Oscar lo si saprà però  solo il 24 gennaio. Il regista, oltre a ‘Terraferma’, ha girato ‘Nuovomondo’, ‘Respiro’ e ‘Once we strangers’. Nel 2002, per concorrere agli Oscar come film italiano, venne scelto ‘Pinocchio’di Roberto Benigni. In lizza, quell’anno, c’era anche ‘L'ora di religione’di Marco Bellocchio e ‘Respiro’ di Emanuele Crialese, che molti indicarono come il film italiano più adatto a rappresentare l’Italia negli Stati Uniti. L’anno scorso era stato candidato per l'Italia, ‘La prima cosa bella’di Paolo Virzì. «Felicissimo e onoratissimo anche se non posso dire che me l'aspettavo, ma solo che lo speravo». Così un emozionato e frastornato  Crialese ha parlato a caldo della sua candidatura per l'Italia. La concorrenza con gli altri candidati italiani non c'é stata: «Non parlerei di concorrenza, ma di una bella squadra composta da colleghi stimatissimi, insomma non mi sono mai sentito davvero in gara con loro».Il film, prodotto da Cattleya e Rai Cinema in collaborazione con Sensi Cinema - Regione Sicilia, ha secondo il regista che ha studiato negli Usa molte cose che potrebbero piacere agli americani: «questi sono sono molto sensibili a tutte le storie in cui ci sono relazioni e conflitti umani, c'é in questo senso molta sensibilità da parte loro verso queste storie in evoluzione».

Organizzazioni: Rai Cinema, Sensi Cinema

Luogo Geografico: Usa

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Grazie per aver votato

Inizio pagina

Commenti

Commenti