Latte, latte, latte e ancora latte! (Seconda ed ultima parte)

Dario
Dario Bivona
Inviare ad un amico

Inviare questo articolo ad un amico.

Vediamo insieme quali benefici possiamo trarre da questo alimento...continuo a chiamarlo alimento perché in realtà l’unica cosa che si beve è l’acqua! Tutti altri liquidi contenenti proteine, vitamine o altre sostanze che non sono contenute nell’acqua, in realtà si mangiano! Ecco un piccolo aneddoto scientifico! Ma nel linguaggio comune si dice senza alcun problema “bere un bicchiere di latte”! La dose consigliata per gli adulti è un quarto di tazza di latte al giorno. Con questa quantità si rinforza il sistema immunitario, si aiuta le ossa ad essere più robuste, visto che il latte contiene 1200 mg di calcio per litro. Durante la sua digestione inoltre si formano delle molecole, chiamate peptidi, che stimolano le risposte immunologiche. Ma quale latte bisogna prediligere? Quello intero o quello scremato? Tra i due è sicuramente meglio scegliere il latte intero, in quanto il grasso del latte permette di assimilare meglio le vitamine e modula l'assorbimento del calcio. È meglio acquistare la versione in bottiglia in quanto il tappo diminuisce la possibile contaminazione del latte con l'aria. Ma esistono altri tipi di latte, vediamone qualcuno. Il latte crudo è anche una buona scelta in quanto non ha subito trattamenti termici e quindi è in assoluto il più ricco di enzimi, proteine e vitamine. Unica pecca, è necessario farlo bollire prima di consumarlo. Il latte fresco invece subisce un trattamento termico unico di circa 15 minuti ad una temperatura che va dai 72° agli 80 °C. Questa pastorizzazione distrugge i germi patogeni riduce i batteri senza alterare i nutrienti ed ha un’alta percentuale di proteine. Il latte microfiltrato invece prima di venire pastorizzato viene microfiltrato per ridurre la carica microbica. Dal punto di vista nutrizionale è pari a quello fresco ma si conserva in frigo più a lungo, circa 15 giorni. Il latte a lunga conservazione, infine, viene portato ad una temperatura di 140°C per due secondi, quindi raffreddato e confezionato. Ha un buon contenuto di proteine e di calcio ma poche vitamine che vengono eliminate con la bollitura. Come lo stesso nome lo dice, si conserva a lungo, per circa 3 mesi. Quindi che siate intolleranti o no, avete sicuramente l’imbarazzo della scelta, basta rendersi in un qualunque supermercato e tutta questa gamma di prodotti sarà a vostra disposizione. Quindi che dire di più a parte che, un buon bicchiere di latte fa sempre bene!

 

 

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Grazie per aver votato

Inizio pagina

Commenti

Commenti

Ultimi commenti

  • Andrea Verlicchi
    09 marzo 2011 - 13:52

    Vorrei segnalare la disponibilità del sito mappa dei distributori di latte crudo alla spina, qui: http://www.milkmaps.com