Il tocco italiano dei Bagel Saint-Viateur

Pubblicato il 11 aprile 2017

Il destino del bagel di St-Viateur, una delle principali istituzioni di Montreal, è nelle mani di una famiglia di origine italiana dal 1994. Oggi, questo mitico commercio è più vivo che mai.

Charlotte Lopez
charlotte.lopez@tc.tc

Con 30 dozzine di bagel all’ora e 200 dipendenti nelle otto panetterie - tra cui tre caffè panetteria, St-Viateur Bagel ha preso il suo posto nel paesaggio di Montreal.

Arrotolato a mano, cotto in acqua con miele e cotto nel forno a legna, unico a Montreal, il bagel di Montreal è fatto "con il cuore e l'orgoglio", secondo Joe Morena, uno dei proprietari.

Oggi riconosciuta a livello internazionale, l'azienda fondata al 263 rue Saint-Viateur West nel 1957 da un immigrato polacco, Myer Lewkowicz, arrivato in Canada quattro anni prima, è tenuta dal 1994 da una famiglia italiana, nel cuore della comunità ebraica di Mile End.

Joe Morena, ex dipendente di Myer Lewkowicz fin dall'età di 15 anni, è diventato comproprietario nel 1974, poi proprietario nel 1994 alla morte del signor Lewkowicz, formando una partnership con Marco Sbalno.

Oggi, i tre figli di Vincenzo, Nicolò e Roberto, assicurano la continuazione delle tradizioni del St-Viateur Bagel con l'apertura nel corso degli anni di nuovi negozi.

Gestiscono oggi otto negozi che mantengono il know-how tradizionale, con nove tipi di ciambelle (bagels), di cui i più popolari sono quelli al sesamo, papavero e naturali.

 

Tradizione familiare

Per lui, i suoi bagel sono diventati leggendari soprattutto grazie all'esperienza dei propri dipendenti, che, come suo figlio, hanno impastato ciambelle per oltre 25 anni. I dipendenti sono parte integrante della sua famiglia e tra questi uno dei suoi figli Roberto Morena. Questo è il segreto del loro successo.

«Noi assumiamo personale tramite il passa-parola, non prendiamo chicchessia - dice Roberto Morena -. Abbiamo tre generazioni di dipendenti tra noi, sono membri della nostra famiglia ora, e sono molto importanti’’.

Con una clientela composta principalmente da immigrati ebrei, polacchi, italiani e greci, la famiglia di Morena ha potuto integrarsi nel quartiere di Mile End, fino ad imparare la lingua storica degli ebrei.

"Mio padre ha imparato l’yiddish, e si  è realmente integrato nella Comunità di cui oggi è parte integrante; è un uomo del quartiere", dice Roberto.

 

Festeggiare in grande

Per i 60 anni dell'azienda, sarà organizzata una "grossa" festa del quartiere che si terrà domenica 21 maggio. La via Saint-Viateur tra Parc Jeanne-Mance sarà chiusa per l'occasione dalle 10:00 al 16:00.

Musica, barbecue, maghi, palloncini e naturalmente le famose ciambelle tradizionali (crema di formaggio e salmone), saranno offerti per la felicità dei bambini e degli adulti.

"È un giorno per ringraziare i nostri clienti e il nostro quartiere per la loro fedeltà durata 60 anni; è una vera e propria giornata comunitaria ", dice Roberto.

Questa festa permetterà di raccogliere fondi per la Foundation delle stelle che sostiene la ricerca pediatrica in Québec. Tutti i proventi di questa giornata andranno alla Fondazione.

"Per i 50 anni dell'azienda abbiamo raccolto $ 50.000, quest'anno vogliamo raccoglierne $ 60.000!”, sottolinea, certo è che la strada sarà ancora una volta piena di visitatori.