Rosberg, basta il secondo posto: è campione del mondo

Lewis Hamilton vince il Gran Premio, Nico Rosberg il mondiale. È questo l’atteso esito del Gran Premio di Abu Dhabi, che chiude la stagione di Formula Uno

Pubblicato il 29 novembre 2016
Rosberg, in piedi sulla sua Mercedes n. 6 esulta al termine del grna premio di Abu Dhabi che lo ha laureato campione del mondo
ansa

NoveColonne ATG/Abu Dhabi – Nel duello tutto Mercedes per il titolo, Hamilton fa il possibile, vincendo la gara, ma Rosberg forte del vantaggio in classifica amministra e chiudendo appena alle spalle del compagno di scuderia può festeggiare per la prima volta il titolo iridato, conquistato con 5 punti di vantaggio. È terzo Sebastian Vettel: il pilota tedesco è stato autore di un esaltante finale di gara che lo ha portato a transitare sotto la bandiera a scacchi ad otto decimi da Hamilton. Sesta posizione per Kimi Raikkonen. “Non è stata una gara bella da parte mia. Mi stavano raggiungendo tutti gli altri e sono ben contento che sia finita così. Sono felicissimo e dedico la vittoria a mia moglie e mia figlia che mi hanno sostenuto, agli altri ci penserò dopo. Sono contento di avere ripetuto il successo di mio padre, sarà bellissimo poterlo vedere appena arriverà qui. Voglio congratularmi con Lewis che è stato velocissimo ed è stato difficile batterlo”. penso di averlo fatto”.

Secondo Vettel “come squadra, ci meritiamo questo podio, che spero serva a ridare slancio a tutti noi. E’ stato un anno difficile, con alti e bassi, e per questo sono felice di questo risultato. Quanto al nostro rendimento complessivo nel 2016, non penso sia il caso di inventare storie. Credo ci aspettassimo di più, ma dopo la prima metà stagione, in cui avremmo potuto fare più punti, abbiamo mostrato la nostra forza con questo recupero. Negli ultimi Gran Premi avevamo un ottimo passo gara, sempre sufficiente a contrastare le Red Bull e forse anche un po’ meglio del loro. Non al sabato, però, e questo ha complicato le cose la domenica. Nel complesso abbiamo mostrato che il team ha carattere. Il nostro spirito è intatto e so che lavoreremo tantissimo, perché la Ferrari merita di tornare al vertice. Abbiamo imparato molto e fatto tanti progressi. E’ il giorno di Nico, gli faccio i complimenti. Non credo si possa diventare campioni per caso e per questo merita un segno di rispetto. Si è guadagnato il titolo”.