Cultura

Suor Angèle e il “fuoco sacro della gioia”

Un nuovo libro scritto da Rosette Pipar

Suor Angèle (a destra) in compagnia dell’autrice del libro Rosette Pipar

Foto cortesia

Suor Angèle, al secolo Ginetta Rizzardo, non finisce mai di stupire. Pur avendo compiuto 80 anni l’11 agosto scorso, è ancora attivissima, sotto tutti i punti di vista, in particolare nel campo sociale.

In molti hanno tentato di carpire il segreto di questa sua longevità e di questa sua passione per la vita e per gli esseri umani. Tra di essi, la scrittrice e biografa Rosette Pipar, che ha appena dato alle stampe il suo terzo libro dedicato alla religiosa dal titolo: Soeur Angèle ou le feu sacré de la joie”.

Il lancio del libro è avvenuto il 18 ottobre scorso al Centre de formation professionelle Jacques-Rousseau alla presenza di oltre 250 persone.

«Negli ultimi 9-10 anni – spiega Rosette Pipar – sono successe molte cose nella vita di Suor Angèle. Tra queste, una molto particolare e difficile da superare, una brutta malattia. Io l’ho seguita in diverse attività di questo periodo e ho pensato che poteva essere importante, essendo l’anno del suo ottantesimo anniversario, raccontare tutto quello che ha fatto e che ha vissuto ultimamente, compreso il modo in cui ha superato la malattia.

Ho realizzato una ventina di interviste con persone che la conoscono da oltre 20 anni e che hanno interagito con lei per vari motivi come, ad esempio, Eddy Savoie, presidente delle Residences Soleil, Mario Julien, chef esecutivo del Club di golf  Le Mirage, l’animatrice France Castel o la cantante Giorgia Fumanti».

 

Ambasciatrice della felicità

\Tutti mi hanno detto la stessa cosa: di essere rimasti impressionati, fin dal loro primo incontro con Suor Angèle, dalla sua personalità, dalla sua autenticità, dalla sua gioia di vivere. Per tutte queste persone, ma non solo, Suor Angèle è stata, ed è, di volta in volta, una mamma, una sorella, un’amica, una confidente; è entrata a far parte della loro vita e della loro famiglia! Tutto ciò, trasposto nel libro, permette di conoscere un po’ meglio il suo carattere e il suo modo, contagioso, di pensare.

In questi ultimi anni – prosegue l’autrice del libro – Suor Angèle ha ricevuto diversi riconoscimenti importanti come, ad esempio, l’Ordine del Canada e l’Ordine nazionale del Québec. Ma, in particolare, ha ricevuto, nel giugno scorso in Francia, la nomina ad “Ambasciatrice”, per il Québec, della “Ligue Mondiale pour le Droit au Bonheur” (Lega mondiale per il diritto alla felicità) a conferma della grande gioia di vivere che sprigiona in tutte le circostanze. È diventata la mia madrina spirituale, un vero distributore di gioia!».

Ad 80 anni, Suor Angèle, pur avendo diminuito le apparizioni televisive a causa della malattia, continua a lavorare incessantemente.

Tra le sue “creature” c’è anche la Fondazione Suor Angèle (www.fondationsoeurangele.com), un organismo che aiuta i giovani a superare le loro difficoltà di integrazione grazie a programmi di apprendimento nel campo dell’alimentazione.

Ma a 80 anni, dove trova la forza di fare tutto ciò che fa?

«Suor Angèle – risponde Rosette Pipar che la conosce da oltre 20 anni – vive della sua passione e la sua passione è incontrare le persone. La sua missione è di essere al servizio dell’essere umano. Ogni giorno si alza dicendo: cosa posso fare oggi per aiutare qualcuno? Questo è quello che la rende veramente felice!»

 

Dal Veneto al Québec

Suor Angèle è nata a Cavaso del Tomba, in provincia di Treviso, nel 1938.

È arrivata a Montréal nel 1955.

Nel 1957 è entrata a far parte della comunità delle suore di Notre-Dame-du-Bon-Conseil.

Ha insegnato cucina all’Institut de tourisme et d’hôtellerie du Québec.

È stata protagonista di numerose trasmissioni radiofoniche e televisive.

Il libro “Soeur Angèle ou le feu sacré de la joie” (Marcel Broquet La nouvelle édition) è in vendita nelle librerie al costo di $ 19,95.

 

Suor Angèle al Salone del libro

La religiosa firmerà il libro al chiosco 416 di Marcel Broquet – La nouvelle édition, sabato 17 novembre, dalle 13:30 alle 15 e dalle 16 alle 17, e domenica 18 novembre dalle 11 alle 13.

Sarà l’invitata di “Prescriptions littéraires” organizzata dall’Association des libraires du Québec, sabato 17 novembre dalle 11:30 alle 12:30, chiosco 754.

 

 

 

La Rédaction


Commenti 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sponsored Posts