Sections

Prodotti italiani per tutti i gusti


Pubblicato il 17 luglio 2018

Giovanni Occhiuto

©Fabrizio Intravaia

Berchicci Importing Ltd e la famiglia Occhiuto (Prima parte)

In questo spazio vi presentiamo la storia di questa azienda tutta italiana: dai suoi inizi al giorno d'oggi, insieme ad un ritratto di alcuni dei suoi impiegati naturalmente ... italiani! Nella prossima edizione (9 agosto) troverete la seconda parte della storia di Berchicci e della famiglia Occhiuto, ed altri due profili degli impiegati. Buona lettura!

 

Pasta, pomodori, olio d'oliva, aceto balsamico, formaggi, salumi, caffè, biscotti e tanto altro ancora, una vera "montagna" di prodotti alimentari "Made in Italy" ha genuinamente invaso la città facendo di "Berchicci Importing Ltd" (al 6205 boulevard Couture), un vero punto di riferimento per chi vuole mangiare italiano.

Alla guida di Berchicci c'è la famiglia Occhiuto che di esperienza in fatto di importazione di prodotti alimentari italiani ne ha, letteralmente, da vendere.

«Il signor Berchicci – racconta Giovanni Occhiuto, 58 anni, – era d'origine marchigiana ed è stato uno dei primi ad importare il formaggio dall'Italia. Fondò la compagnia che portava il suo stesso nome all'inizio degli anni '60. Anche noi ne avevamo una, la Euromark, oltre alla "Stella Food" acquistata succesivamente da Saputo.

Poi, nel 1975, mio padre Giuseppe comprò la Berchicci ma decise, soprattutto per motivi burocratici, di lasciarla con questo nome. Sono, dunque, una quarantina d'anni che siamo nel campo dell'importazione e distribuzione di prodotti alimentari italiani. Li distribuivamo ai ristoranti e ai negozi italiani, circa una settantina che rifornivamo settimanalmente. Poi ci siamo resi conto che i negozietti italiani, su Jean-Talon, su Saint-Michel, ecc., andavano piano piano scomparendo. Prima le famiglie italiane "mangiavano" di più. A pranzo, i nostri connazionali che lavoravano alla costruzione, si portavano il panino con gli affettati o un pezzo di formaggio. Con il passare del tempo il consumo è cambiato, i figli di quegli italiani hanno preso altre abitudini, come quella di pranzare fuori, diventando, dal punto di vista alimentare, un po' più canadesi e un po' meno italiani. Tutto ciò, unito all'avvento dei grandi supermercati, ha messo in crisi la piccola distribuzione.

Abbiamo preso le misure e abbiamo deciso di puntare di più su un grande negozio specializzato nella vendita del "food" italiano, pur continuando a rifornire alcuni ristoranti e a fare un po' di distribuzione in altre città canadesi come Toronto, Winnipeg oVancouver.

I clienti vengono qui da noi – conclude Giovanni che negli ultimi anni è stato affiancato dal figlio Gian Carlo - per trovare quelle specialità italiane che non trovano né da Metro, né da Provigo né in altri supermercati. Questa è la nostra forza!»

 

Marco: «Crescere insieme alla compagnia»

Marco De Stefano, 29 anni, è nato ad Avellino ed è arrivato a Montréal nel gennaio 2015, per cambiare vita!

Marco De Stefano
Fabrizio Intravaia

«Ho frequentato l'Istituto tecnico-commerciale e ho un diploma di ragioneria e programmazione ma in Italia, soprattutto al Sud, il lavoro non si trova e quando si trova è pagato poco. Per questo – spiega - ho deciso di dare una svolta alla mia vita e di venire qui per cercare, umilmente, un lavoro che fosse retribuito in maniera decente, anche perché il mio titolo di studio qui in Canada non è riconosciuto.

Fortunatamente, due mesi dopo il mio arrivo a Montréal, ho conosciuto Giovanni Occhiuto che mi ha dato la possibilità di iniziare a lavorare da Berchicci. Mi sono trovato subito bene. Giovanni è un boss straordinario, mi ha dato la possibilità di crescere sia a livello personale che come responsabilità nel negozio e voglio continuare a farlo.

Ora sono tra i responsabili del deposito e mi occupo dei media sociali per la pubblicità e le informazioni sui prodotti. Mi occupo anche di fare gli ordini, in particolare per il periodo di Natale. Ogni tanto riesco a far venire una nuova linea di prodotti italiani. Ritengo che Berchicci sia il vero negozio di specialità italiane, non solo perché i prodotti sono quasi tutti provenienti dall'Italia ma anche perché gli impiegati sono tutti italiani e chi meglio di noi vi può consigliare? Abbiamo appena lanciato gli acquisti online. Basta andare su www.berchicci.ca e ordinare. La spesa sarà consegnata direttamente a casa. Portiamo l'Italia nelle vostre case!»

 

Maria Grazia: «Qui mi sento in famiglia»

 

Nata a Celano (L'Aquila) 45 anni fa, Maria Grazia Piemari è arrivata a Montréal nel dicembre del 2012 con il marito e una bambina di tre anni.

«Nonostante avessimo una casa di proprietà – racconta - la nostra quotidianità era piuttosto difficile. In Italia ho fatto un po' di tutto: ho lavorato nei ristoranti, nei supermercati, negli autogrill, nei bar, in alcune aziende ma sempre con contratti a termine.

Maria Grazia Piemari
Fabrizio Intravaia

Diversi anni fa mio suocero ha lavorato a Montréal per 10 anni, prendendo la nazionalità canadese. In questo modo anche i suoi figli, quindi mio marito, sono diventati canadesi e così per noi è stato più facile trasferirci.

Quando sono arrivata ho frequentato la scuola di francese a tempo pieno e poi, 4 anni fa, ho iniziato a lavorare da Berchicci. Mi occupo del reparto salumi, affettati e formaggi. La maggior parte dei nostri clienti sono italiani ma abbiamo anche i non italiani. Mi sono resa conto che molti non conoscono la nostra cucina. Tante volte mi chiedono come fare una salsa o qual è il miglior modo per utilizzare un prodotto. La cosa bella è che hanno voglia di conoscerli e una volta conosciuti li apprezzano perché sono buoni e vogliono imparare da noi la cultura del "buon mangiare". L'aspetto che mi piace di più del mio lavoro è che mi sento in famiglia. Ho passato un brutto periodo per  questioni di salute, mi sono stati tutti molto vicini, ho trovato davvero tanta solidarietà!».