Arte e spettacolo

Wertmuller ‘stella di Hollywood’. «Per me è un onore rappresentare l’Italia»

Wertmuller ‘stella di Hollywood’. «Per me è un onore rappresentare l’Italia»
Photo: ansaLina Wertmuller con la sua stella

Ansa – Lina Wertmuller è una stella di Hollywood. Dal 29 ottobre la sua stella “brilla” sulla Walk of Fame, al 7065 di Hollywood Boulevard, a 300 metri dal Chinese Theatre.

“Sono onorata, vi ringrazio tutti. Ho una responsabilità grande, rappresentare l’Italia” ha detto la regista per vedere la quale sulla strada si era radunata una folla di persone che la incitavano e festeggiavano.

Sul palchetto sistemato in prossimità della stella, si sono susseguiti interventi di personalità del cinema, autorità locali e la console Silvia Chiave.

Lo sceneggiatore premio oscar Steven Zaillian (Schindler’s List e ora al cinema con The Irishman di Scorsese) ha ricordato la filmografia della Wertmuller, “questa lady dietro gli occhiali – ha detto – appartiene all’età d’oro del cinema italiano con Fellini, Rossellini, Visconti, Bertolucci. Per me e per molti altri sei stata una fonte di ispirazione”.

Hanno parlato l’attore David O’ Russell, Joe Buscaino consigliere comunale di Los Angeles della comunità italo americana di 40mila persone, mentre l’attore e regista Eli Roth ha fatto ridere tutti i presenti raccontando di quando all’Ischia Film festival sette anni fa prese una sonora sberla dalla Wertmuller per aver detto di essere un “fan di Bombolo”.

Pascal Vicedomini, cui si deve la promozione della stella sulla Walk of Fame presso la Camera di Commercio, si è emozionato ricordando il legame 25ennale con Lina, “un lungo sodalizio d’amore cominciato grazie a Tony Petruzzi, il suo protagonista nei Basilischi. Ho avuto lei accanto per miei progetti Capri Hollywood, Los Angeles Italia, Ischia Global. Sono onorato della sua amicizia e felice di festeggiare qui oggi una grande donna italiana”.

Lina Wertmüller, all’anagrafe Arcangela Felice Assunta Wertmüller von Elgg Spanol von Braueich, nata a Roma il 14 agosto 1928, è una regista e sceneggiatrice italiana. È stata la prima donna nella storia ad essere candidata all’Oscar come migliore regista, per il film Pasqualino Settebellezze, nella cerimonia del 1977. Nel 2020 le sarà assegnato il Premio Oscar onorario. È stata regista e/o sceneggiatrice di oltre 30 film tra cinema e televisione ed ha scritto anche diversi libri.