Un Carnevale dal "cuore italiano"

Pubblicato il 8 marzo 2017

Elisa Baldet Lavarini, la quarta da sin, insieme ai suoi collaboratori

©Foto: Fabienne Brun

Elisa Baldet Lavarini e la corporazione del Carnevael della Piccola Italia

Oltre 200 persone hanno partecipato, il 26 febbraio scorso, alla Casa d'Italia, alla prima edizione del "Carnevale della Piccola Italia", un avvenimento teatrale e culturale "condito" da diverse attività per grandi e piccoli che hanno permesso alle famiglie, e ai numerosi bambini presenti, di divertirsi, di passare un pomeriggio in allegria, e di assaggiare i tipici dolci italiani di questo periodo.

Ad organizzare la manifestazione, alla quale hanno assistito, tra gli altri, il Console Generale d'Italia a Montreal Marco-Riccardo Rusconi, il deputato federale di Rosemont-la-Petite-Italie Alexandre Boulerice, la presidente della Casa d’Italia Angela Minicucci, il direttore dell'IIC di Montreal Francesco D'Arelli e la direttrice generale della SDC-Petite-Italie Cristina D’Arienzo, è stata la "Corporazione del Carnevale della Piccola Italia", un organismo senza fini di lucro fondato e diretto da Elisa Baldet Lavarini.

«Quello del Carnevale nella Piccola Italia – spiega Elisa nata in Francia da padre francese e madre della provincia di Verbania (Piemonte) - è un  progetto che avevo in mente da un paio d'anni e che volevo mettere in pratica per portare anche qui le tradizioni del Carnevale italiano. Volevo farlo proprio nella Piccola Italia, quartiere "simbolo" della comunità italiana di Montreal. Inoltre volevo assolutamente lanciare l'inziativa nel 2017 perché è l'anno in cui Montreal festeggia i suoi 375 anni.

Insieme alla mia squadra di collaboratori, tutti professionisti della Piccola Italia, e con l'aiuto di diversi volontari – continua Elisa che ha studiato comunicazione e sviluppo sostenibile all'Università di Bologna prima di emigrare in Quebec nel 2006 – abbiamo proposto uno spettacolo gratuito che spaziava dall'universo del Carnevale di Venezia a quello della Commedia dell'arte e dell'Operetta, un piccolo viaggio divertente e conviviale per tutta la famiglia. Quest'anno, con i finanziamenti che avevamo a disposizione, abbiamo potuto proporre solo un pomeriggio ma dal prossimo anno vogliamo "invadere" le strade della Piccola Italia e dintorni con i personaggi tipici del Carnevale, proponendo varie attività e coinvolgendo anche i commercianti della zona che hanno già manifestato il loro interesse. Vogliamoi coinvolgere più organismi possibili, locali e della comunità italiana, per creare un grande evento, un vero e proprio "Carnevale di Montreal", che però avrà sempre un "cuore italiano"».

Fabrizio Intravaia