Dal Mondo
19:59pm19 ottobre 2020 | mise à jour le: 19 ottobre 2020 à 19:59pmReading time: 4 minutes

Inaugurato a New York un memoriale dedicato a Santa Francesca Cabrini

Inaugurato a New York un memoriale dedicato a Santa Francesca Cabrini
Photo: AnsaUna veduta aerea dell'Ospedale Santa Cabrini di Montréal

Il Governatore Andrew M. Cuomo – scrivono i giornali americani – ha inaugurato la settimana scorsa il “Mother Cabrini Memorial” dello Stato di New York, situato a Battery Park City, appena a sud di South Cove, lungo la Battery Park City Esplanade. Con una vista diretta sia della Statua della Libertà che di Ellis Island, questa zona offre un luogo adatto per rendere omaggio alla patrona degli immigrati.

Il Memorial è stato inaugurato un anno dopo che il Governatore aveva annunciato per la prima volta i piani per la sua creazione nel Columbus Day dello scorso anno. Il Memoriale include dei pannelli interpretativi che mettono in evidenza il lavoro di Madre Cabrini al servizio degli immigrati italo-americani e dei poveri di New York, con la costruzione di dozzine di orfanotrofi, ospedali e scuole. La piazza del memoriale è circondata da posti a sedere e da un mosaico realizzato con le pietre del luogo di nascita di Madre Cabrini, Sant’Angelo Lodigiano, in Italia.

“Questo Columbus Day – ha detto il Governatore Cuomo – a celebrazione di Madre Cabrini è ancora più appropriata di quando l’abbiamo annunciata lo scorso anno a causa delle difficoltà che stiamo affrontando. Sappiamo tutti che questi sono tempi difficili, ma sappiamo anche che nel libro della vita, non è quello che si fa quando il sole splende che mette alla prova il nostro metallo, è quello che si fa nella furia della tempesta, ed è lì che ci troviamo oggi. In questo mondo complesso, possa questa statua servire a ricordarci i principi che ci hanno reso grandi come Paese e come popolo e i principi che ci rendono speciali su questa Terra, i valori di Madre Cabrini: compassione, accettazione, comunità, libertà, fede, speranza e amore “.

Il Monumento in bronzo che poggia su una base di marmo raffigura Madre Cabrini su una barchetta di carta con due bambini, le barchette di carta che, da bambina, Madre Cabrini piegava e riempiva di violette. Mettendole nella corrente del fiume vicino casa queste barche si trasformano in “missionarie” in giro per il mondo. La barchetta di carta funge quindi da simbolo di speranza e coraggio: sebbene fragile e delicata, può resistere alle correnti dell’acqua e rimanere a galla, a simboleggiare la determinazione di Madre Cabrini di fronte alle avversità e alla lotta.

Le tre figure sono tutte di fronte alla Statua della Libertà, faro di speranza per gli immigrati che entravano nel porto di New York per iniziare la loro nuova vita in America, e dove Madre Cabrini arrivò in missione per aiutare i migranti italiani nel 1889. La ragazza, riflesso della giovinezza di Madre Cabrini, tiene in mano un libro, simbolo dell’impegno di Madre Cabrini nell’educazione dei bambini. Poiché la musica è stata importante per l’eredità degli immigrati, il ragazzo tiene in mano i bagagli e un’ocarina, uno strumento inventato vicino alla città natale di Madre Cabrini, che rappresenta la musica e la cultura che gli immigrati hanno portato in America.

Madre Cabrini era un’italo-americana che ha fondato molte organizzazioni per aiutare i bisognosi. Era la più giovane di 13 figli, nata in Lombardia nel 1850, e prima di emigrare negli Stati Uniti prese i voti e fondò le Suore Missionarie del Sacro Cuore, un ordine che serviva e istruiva gli orfani.

Mentre era a New York, ha insegnato alla parrocchia di San Gioacchino, alla Chiesa di Nostra Signora di Pompei e alla Chiesa cattolica della Trasfigurazione – tutte a Manhattan – così come a Santa Rita da Cascia nel Bronx e alla Chiesa di Santo Stefano Brooklyn. Ha anche fondato il Columbus Hospital, che alla fine è stato ribattezzato Cabrini Medical Center ed è stato ospitato a Manhattan per molti anni.

Madre Cabrini fu originariamente sepolta a West Park e ora è sepolta nel Santuario di St. Frances Cabrini a Manhattan, da lei fondata. Nel 1946, quasi 30 anni dopo la sua morte, Madre Cabrini divenne la prima cittadina statunitense naturalizzata ad essere canonizzata. È riconosciuta come la patrona degli immigrati. Diverse istituzioni accademiche, edifici religiosi e ospedali in tutta New York porano il suo nome nome.

Il Colorado e il Cabrini Day

Il “Frances Xavier Cabrini Day” ha sostituito il Columbus Day come festa nazionale americana. Il governatore Jared Polis ha firmato un disegno di legge a marzo che istituiva, il primo lunedì di ottobre, il Cabrini Day, risultato di tre decenni di tentativi di abrogare il Columbus Day. Il Cabrini Day è la prima festa di stato pagata in onore di una donna negli Stati Uniti.

L’orgoglio della Fondazione Santa Cabrini

La Fondazione Santa Cabrini di Montréal si è detta  profondamente commossa da queste iniziative, orgogliosa di sostenere l’eredità di Madre Cabrini e ispirata dagli sforzi di una vita per offrire alla comunità un ospedale, l’Ospedale Santa Cabrini, con le migliori cure e servizi, un’istituzione accogliente e inclusiva.