Dal Mondo
14:22pm2 giugno 2017 | mise à jour le: 2 giugno 2017 à 14:22pmReading time: 5 minutes

Trump annuncia l’addio all’accordo di Parigi sul clima

Europa, Russia e Cina andranno avanti

Donald Trump parla nel giardino della Casa Bianca

Copyright 2017 The Associated Press. All rights reserved.

Ansa – “Gli Stati Uniti cominceranno a negoziare un nuovo accordo sul clima”, ha detto Trump. “Vogliamo un accordo che sia giusto. Se ci riusciremo benissimo, altrimenti pazienza”, ha aggiunto. “Gli Usa non onoreranno più le parti non vincolanti dell’accordo di Parigi a partire da oggi”. “Gli Stati Uniti si ritireranno dall’accordo di Parigi, ma avvieranno trattative per rientrare nell’accordo o per farne uno interamente nuovo che abbia i termini giusti per gli Stati Uniti, le aziende, i lavoratori e i contribuenti”, ha affermato Trump, definendo l’accordo di Parigi “negativo” per gli americani. “Non posso in buona coscienza sostenere un accordo che punisce gli Stati Uniti, che è quello che l’accordo di Parigi fa”. Gli Usa smetteranno immediatamente di contribuire al ‘Green Climate Fund’ delle Nazioni Unite.

“L’Accordo di Parigi rimane una pietra angolare della cooperazione tra i nostri paesi per affrontare efficacemente e tempestivamente i cambiamenti climatici e per attuare gli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda del 2030. Crediamo fermamente che l’accordo di Parigi non possa essere rinegoziato, in quanto strumento vitale per il nostro pianeta, le società e le economie. Siamo convinti che l’attuazione dell’accordo di Parigi offra grandi opportunità economiche per la prosperità e la crescita nei nostri paesi e su scala globale”. Così la cancelliera tedesca Angela Merkel, il premier italiano Paolo Gentiloni ed il presidente francese Emmanuel Macron in una nota congiunta, in cui hanno “preso atto con rincrescimento della decisione degli Stati Uniti di ritirarsi dall’accordo sul clima”. La decisione degli Usa di lasciare l’accordo di Parigi – ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel – “non riuscirà a fermare tutti quelli tra noi che si sentono obbligati a proteggere il pianeta”.

La Russia non abbandonerà l’accordo di Parigi sul clima nonostante l’annuncio di Donald Trump. Anche la Cina conferma che terrà fede agli impegni presi con l’accordo di Parigi sul clima.

 

EMISSIONI. Gli Stati Uniti sono il secondo produttore mondiale di gas serra, con il 15% delle emissioni globali (dati 2015). Il primo produttore è la Cina, con il 29%. Nel 2015 le emissioni cinesi sono calate dello 0,7% e nel 2016 di un altro 0,5%. Nei dieci anni precedenti, la produzione di gas climalteranti del Dragone aumentavano in media del 5% ogni anno. Il calo è dovuto alla chiusura di centrali a carbone e all’apertura di centrali nucleari, rinnovabili e a gas. La Cina, priva di petrolio e avvelenata dal carbone, ha convenienza a puntare su eolico e fotovoltaico e sta investendo in questi settori in modo massiccio. Gli Usa nel 2015 avevano tagliato le emissioni del 2,6% e nel 2016 dell’1,7%, grazie a notevoli investimenti sulle rinnovabili, favoriti dall’amministrazione Obama. Il terzo produttore mondiale di gas serra è l’Unione europea, con il 10%. Negli ultimi vent’anni le sue emissioni sono scese costantemente, grazie al ruolo delle rinnovabili, ma nel 2015 sono salite dell’1,4%. I problemi vengono dall’India, che contribuisce per il 6,3% alle emissioni globali e nel 2015 ha aumentato la sua produzione di gas serra del 5,2%. La scelta di Trump potrebbe spingere New Delhi a rallentare il suo impegno nella riduzione delle emissioni.

Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni a colloquio con il presidente francese Emmanuel Macron e la Cancelliera tedesca Angela Merkel durante il G7 di Taormina, 26 maggio 2017.

ANSA

 

 

I punti principali dell’accordo

 

A dicembre del 2015 oltre 190 Paesi hanno raggiunto, dopo lunghissimi negoziati durati più di dieci anni (storico l’incontro di Copenaghen nel 2009, il primo della presidenza Obama), un accordo sul clima. Alla ventunesima Conferenza delle parti di Parigi, la Cop21 (e cioè il vertice Onu sui cambiamenti climatici), gli Stati Uniti avevano indicato la direzione. Adesso quello stesso Paese, ma sotto la guida di un’altra amministrazione, ora guidata da Donald Trump, abbandona l’accordo.

Base portante di tutto l’accordo è l’obiettivo di contenere l’aumento della temperatura ben al di sotto dei 2 gradi centigradi rispetto ai livelli pre-industriali, con l’impegno a limitare l’aumento di temperatura a 1,5 gradi.

Gli altri punti principali: raggiungere il picco delle emissioni di gas serra il prima possibile per iniziare con riduzioni continue fino a trovare un equilibrio tra emissioni e tagli per la seconda metà del secolo; tutti i Paesi hanno comunicato gli impegni a livello nazionale, dovendo prevedere revisioni migliorative a cadenze regolari (ogni cinque anni); i fondi destinati ai Paesi più esposti e vulnerabili ai cambiamenti climatici e che sono, in un certo senso, incapaci di adeguarsi.

C’è poi la parte dedicata alle risorse finanziarie per aiutare i Paesi in Via di Sviluppo: l’obiettivo della road-map è creare un fondo da 100 miliardi di dollari l’anno fino al 2020, con l’impegno ad aumentare di volta in volta i fondi per l’adattamento e la cooperazione internazionale.

Inoltre, c’è il tema della trasparenza e flessibilità per fare in modo che ognuno possa contribuire in base alle proprie capacità.

L’accordo di Parigi è stato firmato il 22 aprile 2016, in occasione della Giornata mondiale della Terra, alle Nazioni Unite a New York da 175 Paesi. Le regole per la sua entrata in vigore (avvenuta il 4 novembre 2016) prevedevano che venisse ratificato da almeno 55 Paesi che rappresentassero almeno il 55% delle emissioni di gas serra. L’Italia lo ha ratificato il 27 ottobre, giusto in tempo per l’inizio della Cop22 in Marocco.