Dal Mondo
15:20pm23 maggio 2017 | mise à jour le: 23 maggio 2017 à 15:20pmReading time: 2 minutes

Manchester, attentato al concerto di Ariana Grande: 22 morti

L’Isis rivendica. Esplosione allo show per teenager. May: "Atto orrendo, temo altro attacco".

Controlli della polizia a Manchester

ANSA

Ansa – Strage a Manchester, dove un kamikaze si è fatto esplodere al concerto di Ariana Grande, idolo dei teenager, in una arena affollatissima di giovanissimi e di genitori: almeno 22 morti, 59 feriti e 12 dispersi. Ci sono anche bambini tra le vittime. Ci sono poi almeno 12 piccoli gravemente feriti, tutti sotto i 16 anni.

L’Isis rivendica l’attentato affermando, tramite l’agenzia Amaq, che uno dei suoi membri ha compiuto l’attacco. Lo riferisce il Site, il sito Usa di monitoraggio dell’estremismo sul web.  Un 23enne è stato arrestato a Chorlton in connessione con l’attacco terroristico di ieri sera. Ed un raid di polizia è in corso proprio in questa località, probabilmente presso l’abitazione dell’attentatore.

Ma la tensione resta alta: in città il centro commerciale Arndale è stato evacuato per il timore di un altro attacco terroristico. Poi un uomo è stato arrestato e il centro commerciale è stato riaperto. In mattinata a Londra era stata evacuata Victoria Station per un pacco sospetto, poi rivelatosi innocuo; all’aeroporto di Dubai è stato evacuato un aereo passeggeri in partenza per Londra a causa di un allarme bomba. La premier Teresa May ha detto che un altro attentato è ritenuto probabile.

E’ una sedicenne fan di Ariana Grande la prima vittima identificata: si chiama Georgina Bethany Callander (nella foto qui sotto con la pop star), e si era detta entusiasta sul suo profilo Twitter alla vigilia del concerto della sua beniamina alla Manchester arena.

E’ il peggiore attacco terroristico su suolo britannico dal 7 luglio del 2005 quando a Londra quattro bombe piazzate da Al Qaeda su mezzi del trasporto pubblico uccisero 56 persone, compresi i quattro kamikaze, e ne ferirono 700. Da Bruxelles al Bataclan: i precedenti attentati

Tutto e’ avvenuto verso le 22:30 di ieri sera ora locale al Manchester Arena, subito dopo la fine di un concerto di Ariana Grande – pop star americana 24enne, rimasta illesa – quando un boato ha scatenato il panico fra gli spettatori. Una deflagrazione nella zona del foyer, non lontano dalle biglietterie, subito fuori dall’area degli spalti. La struttura, la piu’ grande arena indoor d’Europa, con una capienza di oltre 21.000 posti, era affollata soprattutto di giovani e giovanissimi.