Dal Mondo
19:47pm14 marzo 2022 | mise à jour le: 14 marzo 2022 à 19:47pmReading time: 1 minutes

Guerra Russia-Ucraina: l’export italiano del vino tra i più penalizzati

Guerra Russia-Ucraina: l’export italiano del vino tra i più penalizzati
Photo: iStockIl vino italiano è molto apprezzato in Russia e Ucraina

L’invasione russa ai danni dell’Ucraina genera effetti pesanti sulle imprese agroalimentari, colpendo alcuni settori trainanti del “Made in Italy”, come il vino.

L’Italia rappresenta il primo fornitore di vino in Russia e Ucraina: nel 2021, gli acquisti di vino italiano da parte di questi due paesi è stato di circa 400 milioni di euro, quasi il 6% di tutto l’export di vino del Bel Paese.

Nel 2021, precisa Nomisma Wine Monitor, la Russia ha importato 345 milioni di euro di vino italiano (+18% rispetto all’anno precedente), facendo del nostro paese il suo primo fornitore. Più ridotti ma fortemente in crescita (+200% negli ultimi cinque anni) gli acquisti dall’Ucraina: 56 milioni di euro, per un valore aggregato di circa 400 milioni di euro.

I consumatori russi e dell’Est Europa prediligono vini frizzanti e spumanti dolci e con prezzi competitivi. Un gradimento che finisce inevitabilmente per colpire i produttori specializzati in queste tipologie, Italia in primis.

 

I

More Like This