Italia
15:05pm10 novembre 2017 | mise à jour le: 10 novembre 2017 à 15:05pmReading time: 2 minutes

Il pane carasau entra nel dizionario

I 100 anni del vocabolario Zingarelli

Il pane carasau

ansa

Ansa – Il pane carasau entra nel vocabolario Zingarelli. Lo fa in un momento storico, in occasione del centesimo anniversario del dizionario della casa editrice Zanichelli.

La definizione: tipo di pane sardo a forma di disco molto sottile e croccante, adatto a essere conservato a lungo.

Provenienza: dal sardo carasare, cioè tostare. Perché dopo la cottura si ripassa nel forno. Il vocabolo è stato presentato al Liceo classico Dettori nell’ambito di un tour di presentazione della nuova edizione del dizionario: in cattedra il linguista e critico letterario dell’Università di Cagliari Massimo Arcangeli e la sociolinguista e traduttrice letteraria dell’Università di Firenze Vera Gheno.

Non è la prima volta che un termine in ‘limba’ entra nelle pagine da sfogliare per evitare errori in italiano o conoscere il significato delle parole: celebre il precedente dei malloreddus. Ma c’è anche “guttiau” sempre riferito al pane. Insomma l’ingresso nel vocabolario per la Sardegna passa per la tavola. “Spesso i prodotti tipici – spiega Arcangeli – diventano popolari per la loro diffusione nazionale, magari aiutata dall’industria, come il panettone”. Ed evidentemente il pane carasau, pur rimanendo tipico, è diventato, oltre che buono, anche famoso.

Tante informazioni

Un dizionario che sta diventando sempre più un libro pieno di informazioni e suggerimenti. A volte semisconosciuto: anche un linguista esperto può fermarsi alla conoscenza di 120mila parole su 145mila. “Non bisogna avere paura – ha detto Arcangeli – delle contaminazioni. E aggiungo una provocazione: il dizionario contrassegna con un rombo le parole dell’italiano fondamentale e con un fiore i termini che si stanno perdendo. Io aggiungerei anche il cuore per le parole che denotano sentimenti di affetto. E il segno di picche per le parole che non si possono cancellare ma che non si devono usare”.