Italia
16:30pm5 marzo 2021 | mise à jour le: 5 marzo 2021 à 16:30pmReading time: 4 minutes

Marisa Rodano, 100 anni di lotta per le donne

Marisa Rodano, 100 anni di lotta per le donne
Photo: AnsaUno dei primi storici manifesti dell’UDI dedicati all’8 Marzo

A lei si deve la mimosa come simbolo dell’8 marzo

Ansa – Un secolo di militanza antifascista e femminista. È la testimonianza di vita di Marisa Rodano, che ha compiuto 100 anni il 21 gennaio scorso, simbolo di lotta tenace e costante per le libertà di uomini e donne.

Le donne, soprattutto. Per le quali non si è risparmiata sia nelle aule parlamentari sia nelle piazze, e alle quali ha donato un regalo prezioso, diventato emblema della Giornata internazionale della Donna: la mimosa. A lei si deve infatti questa fortunata scelta, ben 75 anni fa. Era l’8 marzo 1946.

«Era il primo 8 marzo che si celebrava nell’Italia ormai libera e la scelta della mimosa come fiore della Giornata Internazionale della donna venne da sé». Tutto è avvenuto a Palazzo Giustiniani in una riunione del Comitato direttivo dell’Udi dove si discuteva della necessità di scegliere un fiore-simbolo: «Rammento che passammo in rassegna diverse possibilità: scartato il garofano, già legato al Primo maggio, esclusi gli anemoni perché troppo costosi, la mimosa sembrava convincente, perché, almeno nei dintorni di Roma, fioriva abbondante e poteva esser raccolta senza costi sulle piante che crescevano selvatiche. Fu così – è questo il fotogramma che rivedo – che disegnai un approssimativo rametto di mimosa con l’apposito punteruolo che incideva la cera, sul cliché, con il quale sarebbe stata ciclostilata la circolare per i comitati provinciali».

Marisa Cinciari Rodano, deputata, senatrice e parlamentare europea

Lo racconta la stessa Marisa Rodano in un libro scritto da Serena Ballista dal titolo “Mimosa in fuga” (ed. Carthusia), dove però non ama ostentare questa maternità: «Nel Lazio e nel Sud, dove la pianta cresce spontanea, spesso fiorisce assai prima dell’8 marzo. Quando ero dirigente dell’Udi di Roma, ne facevamo venire quintali e trascorrevamo intere giornate a dividerla e a farne mazzetti, era duro. Certo in quei giorni mi sarei ben guardata dal rivendicare con le mie compagne la maternità di quella scelta».

La mimosa allora era anche il simbolo di lotta delle donne, mobilitate per i propri diritti, primo fra tutti il voto, e questo fiore gioioso veniva diffuso dalle donne, insieme ai volantini e al giornale ‘Noi Donne’, che a volte venivano fermate dalla polizia. «Mi ricordo che venivano sequestrati i mazzetti di mimosa, venivano fermate le donne. Ci organizzammo – afferma ancora Rodano – anche perché Giuseppe Di Vittorio, che allora era Segretario Generale della CGIL, facesse un giro per il comune di Roma ad offrire la mimosa alle donne».

 

Partigiana e deputata

Nata a Roma – per una curiosa coincidenza lo stesso giorno e lo stesso anno in cui Antonio Gramsci diede vita al Pci (partito in cui ha militato, insieme al marito, Franco Rodano) – Marisa Cinciari Rodano ha cominciato il suo attivismo come partigiana e antifascista (fu anche arrestata nel maggio 1943 e detenuta nel carcere delle Mantellate fino al 25 luglio), ha militato nel Movimento dei Cattolici Comunisti e nei Gruppi di difesa della donna (GDD). È stata fra le fondatrici dell’Udi (Unione donne Italiane, ora Unione donne in Italia) di cui è stata anche presidente. E, fra le tante cariche e partecipazioni ci sono quelle di deputata (è stata la prima vicepresidente donna di Montecitorio), senatrice e europarlamentare.

Ma è il suo sguardo al mondo femminile, all’emancipazione delle donne, il tratto distintivo della sua vita sociale, un mondo a cui lei ancora guarda con tanta attenzione: «Oggi le giovani pensano che i loro diritti ci siano sempre stati, ignorano completamente che c’è stata un’epoca nella quale bisognava lottare per conquistarli. Il meccanismo di dimenticanza negli ultimi 25 anni è troppo forte. La memoria è corta e resa anche più corta dai media e dal modo in cui si pensa e si comunica. Non è un fiore che determina le lotte ma sono le lotte che determinano il significato del fiore».