Italia
18:39pm18 ottobre 2021 | mise à jour le: 18 ottobre 2021 à 18:39pmReading time: 2 minutes

Dal 15 ottobre “Green pass” obbligatorio in Italia per lavorare

Dal 15 ottobre “Green pass” obbligatorio in Italia per lavorare
Photo: Foto 123RF.COMCellulare con il certificato di vaccinazione

(NoveColonneATG) Roma – Secondo Noam Chomsky una delle dieci regole più efficaci per il controllo sociale era la strategia del differire: presentare una decisione impopolare come dolorosa e necessaria, ottenendo l’applicazione pubblica nel momento, per un’applicazione futura, così da far arrivare il pubblico già rassegnato al momento del cambiamento.

Eppure, a giudicare da quanto avvenuto nei giorni scorsi in molte piazze d’Italia e soprattutto a Roma, non è bastato un mese di tempo al governo Draghi per far accettare ai più riottosi l’estensione del green pass obbligatorio sul lavoro, che è stato deciso dal Consiglio dei ministri lo scorso 16 settembre e che è entrato in vigore venerdì 15 ottobre. A partire da questa data, infatti, è necessario per decreto il green pass per tutti i lavoratori, sia del settore pubblico che del settore privato (“tutti i professionisti che per lavorare dovranno varcare una porta dovranno averlo”, dunque anche le colf, fu la sintesi del ministro Renato Brunetta).

Chi non è in possesso del certificato verde subirà la sospensione dello stipendio al primo giorno di assenza forzata, sia per quanto riguarda il settore pubblico sia per il privato. Previste anche sanzioni disciplinari per chi elude l’obbligo.

Il provvedimento tocca, in tutto, qualcosa come 23 milioni di lavoratori, più di un terzo del totale dei cittadini italiani, e in pochi potranno fare affidamento sullo smart working come via di fuga: il decreto infatti stabilisce, almeno per quanto riguarda la Pubblica amministrazione, il ritorno in presenza al 100% negli uffici. La sospensione però, assicura il governo, non comporterà alcun rischio di licenziamento: una volta che il lavoratore si sia messo in pari ottenendo il green pass, o una volta terminata l’emergenza (fissata ad oggi al 31 dicembre) potrà riprendere regolarmente il proprio posto senza conseguenze.

Per facilitare l’organizzazione dei turni in vista delle possibili assenze, il datore di lavoro ha la facoltà (secondo il decreto capienze del 7 ottobre) di chiedere preventivamente il green pass dei propri dipendenti, mentre per permettere controlli giornalieri più rapidi è in arrivo una nuova versione dell’app “Verifica C19”.

 

 

More Like This