Italia
20:08pm28 gennaio 2022 | mise à jour le: 28 gennaio 2022 à 20:08pmReading time: 2 minutes

Il caffè espresso italiano candidato all’UNESCO

Il caffè espresso italiano candidato all’UNESCO
Photo: Paolo Gagliardi/iStockCaffè espresso

(NoveColonneATG) Roma – “Una candidatura in grado di dare forte risalto all’Italia come polo mondiale in termini di produzione alimentare di qualità e di cultura del cibo: non produciamo caffè eppure siamo riusciti a imporre questa nostra elaborazione della materia prima a tutto il mondo”.

È quanto dichiara Mauro Agnoletti, professore universitario e coordinatore della candidatura del caffè espresso italiano nel patrimonio UNESCO, all’indomani della presentazione del dossier.

“Dopo più di un anno di riunioni e mediazioni – prosegue Agnoletti – il dossier, che sarà ora presentato alla commissione nazionale UNESCO, rappresenta anche un bell’esempio di ritrovata unità delle diverse identità del nostro paese intorno uno dei tanti elementi forti della sua culturale alimentare”.

“Il rito del caffè, con l’insieme dei fattori sociali, storici e culturali che lo caratterizzano – aggiunge il coordinatore della candidatura – riguarda tutta la popolazione italiana. Coinvolge una molteplicità di comunità e realtà locali accomunate dalla condivisione dell’arte della preparazione e delle modalità di consumo di questa bevanda che ha il potere di veicolare valori sociali, identitari ed emozionali che rappresentano il nostro paese nel mondo.

La tradizione del caffè unifica città come Venezia dove nasce il Caffè Florian, primo luogo dedicato alla degustazione di questa bevanda, con Napoli, dove il caffè è particolarmente radicato nella tradizione tanto da avere assunto una sua ‘specificità culturale’, ma è presente con declinazioni diverse in tutto il nostro paese”.

“È stato un lungo lavoro per cercare di unificare due documenti che rappresentano culture e tradizioni diverse del caffè e  valorizzare in un solo testo l’origine storica del caffè che si colloca nel Nord Est dell’Italia in particolare a Trieste, luogo di arrivo dei primi sacchi di caffè dopo l’assedio di Vienna da parte dei turchi, e Venezia, con Napoli dove esiste forse la più forte comunità emblematica del caffè, che l’ha trasformato in un rito simbolo della cultura popolare campana a cui spesso si associa il caffè al momento di degustare la bevanda anche nel resto d’Italia”.

“Il rito del caffè espresso – conclude Agnoletti – è ormai diffuso in tutti i continenti, rappresentando uno dei simboli della cultura italiana”.

More Like This