Italia
19:17pm10 aprile 2020 | mise à jour le: 10 aprile 2020 à 19:17pmReading time: 2 minutes

Coronavirus, Conte: “Chiusura fino al 3 maggio, adesso non si può cedere”

Coronavirus, Conte: “Chiusura fino al 3 maggio, adesso non si può cedere”
Photo: AnsaIl presidente del Consiglio, Giuseppe Conte

Ansa – “Proroghiamo le misure restrittive fino al 3 maggio, una decisione difficile ma necessaria di cui mi assumo tutte le responsabilità politiche”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte annunciando il nuovo decreto del Presidente del Consiglio die Ministri (dpcm).

“L’auspicio è che dopo il 3 maggio si possa ripartire con cautela e gradualità ma ripartire: dipenderà dai nostri sforzi. Se cediamo adesso c’è il rischio di ripartire daccapo. E’ necessario tenere alta attenzione anche a Pasqua. Il lavoro per la fase 2 è già partito, non possiamo aspettare che il virus sparisca dal nostro territorio. Servirà un programma articolato e organico su due pilastri: un gruppo di lavoro di esperti e il protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Prometto – ha proseguito – che se anche prima del 3 maggio si verificassero le condizioni, cercheremo di provvedere di conseguenza ad aprire alcune attività produttive. Il lavoro per la fase 2 è già partito. Servirà un programma articolato e organico su due pilastri: un gruppo di lavoro di esperti e il protocollo di sicurezza nei luoghi di lavoro. Ipotizziamo una ripresa delle attività a pieno regime ma con protocolli rigorosi. Non possiamo debellare il virus. Dovremo conviverci”.

La libreria Feltrinelli nella Galleria Alberto Sordi a Roma

Il decreto confermerebbe tutte le misure che limitano gli spostamenti e le attività produttive. Ma ci sarebbero alcune novità: potrebbe ripartire il commercio di carta, cartone e articoli di cartoleria, potrebbero riaprire le librerie e i negozi di vestiti per bambini e neonati, ovviamente solo nel caso in cui potranno garantire tutte le regole di sicurezza.