Quebec

Per il progresso della lingua francese

I deputati liberali Rita de Santis (Bourassa) e Marc Tanguay (LaFontaine) fanno il punto della situazione sulle azioni che il Partito liberale del Quebec privilegia per favorire la diffusione armoniosa, l’uso e la qualità del francese in tutte le sfere della società quebecchese.

«Le azioni presentate dai liberali si iscrivono – sostengono in un comunicato i due deputati – in un approccio che, contrariamente a quello del Parti Québecois, mira ad unire tutti i quebecchesi intorno ad un obiettivo comune, quello di far progredire la nostra lingua comune negli spazi pubblici e negli ambienti di lavoro. Inoltre, le azioni che proponiamo concordano con i commenti espressi all’Assemblea Nazionale, durante la commissione parlamentare del “Barreau du Quebec”, dalla Commissione dei diritti della persona e dei diritti della gioventù, dalle commissioni scolastiche, i comitati dei genitori, le municipalità e le piccole e medie imprese».

Le azioni proposte dal PLQ ruotano intorno a 4 punti:

1) accentuare la promozione della qualità del francese nelle scuole primarie; 2) intensificare l’uso del francese al lavoro; 3) facilitare la francesizzazione degli immigrati in tutte le regioni; 4) promuovere la qualità del francese nell’era numerica.

«Queste azioni – sostengono– mobilitano i vari settori della società, quello dell’educazione, della funzione pubblica, delle imprese, degli agenti economici e sociali di tutte le regioni del Quebec. Contrariamente al progetto di legge 14 del governo pechista, che mette in evidenza un approccio coercitivo, il PLQ priorizza delle azioni incitative e di accompagnamento che rispettano l’equilibrio tra l’obiettivo collettivo e le libertà individuali». Il PLQ, dunque, voterà contro l’approvazione del principio del progetto di legge 14 (Legge che modifica la Carta della lingua francese, la Carta dei diritti e libertà della persona e altre disposizioni legislative), poiché esso ritira dei diritti ai cittadini e appesantisce il fardello dei regolamenti delle imprese.

 

Commenti 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *