Quebec

Un investimento di oltre 9M$

Ingrandimento e ristrutturazioni all’Ospedale Santa Cabrini

Il ministro della Sanità Gaétan Barrette, in compagnia della deputata Filomena Rotiroti, annuncia l’investimento di oltre 9M$ per l’ospedale Sana Cabrini

Foto TC Media — Mario Beauregard

L’ospedale Santa Cabrini subirà dei lavori di modernizzazione nel corso del prossimo anno. Il Governo del Québec ha annunciato un importante investimento per ingrandirlo e rinnovarlo.

A farne l’annuncio, il 16 febbraio scorso, accompagnato da Filomena Rotiroti, deputata di Jeanne-Mance–Viger,

è stato il ministro della Salute del Québec, Gaétan Barette, il quale ha presentato il progetto di ingrandimento dell’unità di endoscopia e di chirurgia di un giorno.

«L’ospedale Santa Cabrini ha bisogno di amore e di qualche messa a punto. Sono molto contenta di questo annuncio che permetterà di offrire cure moderne e sicure ai pazienti», ha sottolineato Filomena Rotiroti, che da oltre un anno “difende” questa causa presso il ministro.

«Non potevamo più tollerare questa situazione. I pazienti – ha affermato il ministro – erano sistemati nei corridoi e le sale erano troppo piccole. L’eccellenza dei servizi offerti ricadeva per la maggior parte sulle spalle del personale curante. Questa decisione permetterà di aumentare la produttività del servizio, passando da 50 a 79 operazioni a settimana a circa 100».

Il ministero della Salute investirà nel progetto 5,9M$. Il

“Centre intégré universitaire de santé et de services sociaux” (CIUSSS) de l’Est-de-l’Île-de-Montréal participerà ugualmente al finanziamento con 3,2 M$.

 

I lavori

Il progetto prevede dei lavori di ingrandimento e di risistemazione di una superficie di circa 980 metri quadri.

«Sono quasi 1000 metri quadrati che verrano rimessi a nuovo. Parliamo – ha detto il ministro – di attrezzature e installazioni  dello stesso livello dei grandi centri ospedalieri universitari».

I nuovi spazi permetteranno di aggiungere una sala per la chirurgia minore, una sala e un’unità di trattamento per l’endoscopia, oltre che sei barelle e quattro poltrone nella zona di preparazione e di recupero.

Questi investimenti hanno profondamente colpito Elio Arcobelli, presidente della Fondazione dell’Ospedale Santa Cabrini. «Alla Fondazione – ha commentato – lavoriamo forte per fare la nostra parte. Ora vediamo una “luce” che ci dà molta speranza per l’avvenire dell’ospedale e ci incoraggia a lavorare ancora di più per venire in aiuto alle comunità servite da questo luogo di cura».

I lavori dovrebbero iniziare nelle prossime settimane e finire nel corso dell’estate 2019.

(Traduzione a cura della Redazione del Corriere Italiano)

 

9,1 M$

Il progetto di ingrandimento e di risistemazione dell’unità di endoscopia e di chirurgia di un giorno dell’Ospedale Santa Cabrini necesiterà di un investimento dell’ordine di 9,1 M$.