Quebec

Ricca presenza italiana al Festival del Film sull’Arte

Ricca presenza italiana al Festival del Film sull’Arte
Photo: Foto FIFAUn'immagine di "Theatron" che ripercorre la figura e l'opera del regista teatrale Romeo Castellucci

Dal 19 al 31 marzo si terrà, in diversi cinema e luoghi della nostra città, la 37ma edizione del Festival Internazionale del Film sull’Arte (FIFA). In programma più di 200 film provenienti da 40 paesi differenti.

Ricca e diversificata, interamente dedicata al mondo dell’arte sotto tutti i suoi aspetti, dalla pittura all’architettura, dalla musica alla danza, dai rapporti con la scienza a quelli con la storia, la programmazione sarà dedicata, in particolare, alla diversità e all’impegno sociale.

Fra tutte le varie proposte, i film in competizione e le proiezioni speciali si fa largo, un’interessante e nutrita presenza italiana che si esprime attraverso la presentazione di ritratti di artisti, documentari sul design, sul teatro e sulla cultura in generale. A tale proposito ecco alcuni suggerimenti.

“Caravaggio: The Soul and Blood”, di Jesus Garcés Lambert, che narra la storia del controverso pittore vissuto a cavallo tra il ‘500 e il ‘600. Il documentario si distingue per la sua intensa trama narrativa, per la qualità delle immagini e per la colonna sonora incalzante.
“Theatron”, di Giulio Boato, dedicato alla prolifica carriera di Romeo Castellucci, regista, autore, scenografo, coreografo, costumista di spettacoli teatrali e di opere, tra i più attivi sulla scena del teatro d’avanguardia degli anni ’90.

“Hitler vs Picasso and the Others”, di Claudio Poli. Il regista mette in rilievo alcuni quadri firmati Picasso, Botticelli e Renoir, e indaga il rapporto tra l’arte e i regimi politici, in particolare quello nazista che glorificava la cosiddetta “arte classica” per “scomunicare” quella che, secondo loro, non rientrava in questi canoni.

“Mario Botta. The Space Beyond”, di Loretta Dalpozzo e Michele Volontè, dedicato all’architetto svizzero di fama internazionale Mario Botta i cui lavori hanno abbracciato molte tipologie edilizie: scuole, banche, edifici amministrativi, biblioteche, musei ed edifici di culto.

“Cy Dear”, di Andrea Bettinetti, dedicato all’americano Cy Twombly (1928-2011), artista sorprendente alla volta pittore, disegnatore, scultore e fotografo.

“Playing Together”, di Gabriele Giuliani e Federico Giuseppini, un documentario attraverso il quale lo spettatore scopre il lavoro di Giovanni Allevi, famoso pianista italiano, intento a lavorare con l’Orchestra Sinfonica Italiana su
“Together”, un brano del suo ultimo album intitolato “Equilibrium”.

“Plakat – The Birth of Modern Advertising”, di Adolfo Conti, un documentario storico sulla nascita e l’evoluzione della pubblicità moderna attraverso la carriera di tre pionieri della creazione di poster pubblicitari quali Lucian Bernhard, Ludwing Hohlwein e Julius Klinger.

“Santa Inocencia”, di Meritxell Campos Olivé. Sullo sfondo di un paesino italiano otto personaggi ragionano le nevrosi e le paure della vita quotidiana, le sue proiezioni costanti nel passato o nel futuro e la sua incapacità a vivere l’esperienza del presente.

“Distance-short stories about food”, cortometraggio diretto dal regista Luigi Capasso. L’opera esplora il senso di lontananza attraverso la tradizione culinaria italiana. Un affetto, una passione, un rapporto, raccontati attraverso la sacralità dell’atto del cucinare.

Per i biglietti, gli orari e le sale di proiezione consultare il sito: https://www.artfifa.com/fr

Commenti 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *