Canada
21:16pm5 marzo 2010 | mise à jour le: 5 marzo 2010 à 21:16pmReading time: 8 minutes

BUDGET FEDERALE: Verso il rilancio con 19 miliardi

Il nuovo bilancio presentato dal ministro delle Finanze Jim Flaherty prevede una spesa complessiva di 19 miliardi di dollari per coprire il secondo anno del Piano d’azione economica del Canada. Con la premessa che si devono “creare posti di lavoro e si devono proteggere quelli già esistenti”, le nuove iniziative previste (poche e comunque mirate) puntano a favorire la crescita economica nei prossimi anni, a rafforzare l’innovazione canadese e attirare gli investimenti delle imprese straniere. L’obiettivo finale è raggiungere l’equilibrio di bilancio a medio termine, ma sicuramente prima di tutti gli altri paesi del G7. Ecco, per grandi linee, le misure previste per preservare/creare impieghi, per aiutare i lavoratori e le famiglie del Canada a convivere con una situazione economica che resta difficile:
• Riduzioni d’imposta per 3,2 miliardi di dollari sul reddito dei privati. Queste riduzioni comprendono anche la Prestazione fiscale bonificata per il reddito da lavoro, che rafforza gli incentivi offerti ai canadesi a basso reddito.
• Oltre 4 miliardi di dollari per creare e proteggere gli impieghi. Questa misura bonificherà le prestazioni d’assicurazione-occupazione ed allargherà l’accesso alla formazione per aiutare i disoccupati canadesi in questo periodo difficile.
• 7,7 miliardi di dollari in favore delle infrastrutture, anche al fine di creare posti di lavoro. Questi provvedimenti puntano altresì a sostenere l’accesso alla proprietà ed a migliorare l’edilizia sociale in Canada.
• 1,9 miliardo di dollari per creare l’economia di domani. Questo capitolo di spesa favorirà il perfezionamento delle persone che hanno talento (evitando che queste partano all’estero), rafforzerà la nostra ricerca e il suo prestigio su scala mondiale.
• 2,2 miliardi di dollari per sostenere le industrie e le comunità. Gli aiuti andranno in particolare a settori delicati come l’industria forestale, l’agricoltura, la piccola impresa, il turismo, la costruzione navale e la cultura. Inoltre, l’abolizione dei dazi doganali sugli input di fabbricazione, su macchinari e materiali incoraggierà gli investimenti nel settore manifatturiero.

Il compimento del Piano d’azione economica e le misure contenute nel bilancio dovrebbero fare in modo che il deficit diminuisca, raggiungendo 27,6 miliardi di dollari nel 2011-2012, per fissarsi a 17,5 miliardi nel 2012-2013. Il deficit previsto per il 2014-2015 è di 1,8 miliardo, quindi vicino al “pareggio”.

APPROFONDIMENTO

ll bilancio 2010 si dedica al secondo anno del Piano d’azione economica del Canada e prevede nuove misure d’incentivazione per un totale di 19 miliardi dollari nel 2010-2011. Ecco i provvedimenti:
• 3,2 miliardi di dollari in riduzioni dell’imposta sul reddito dei privati.
• 1,6 miliardo di dollari per le prestazioni ai disoccupati.
• 1 miliardo di dollari per la formazione dei lavoratori canadesi.
• Congelare il tasso di contributo d’assicurazione-occupazione a 1,73 $ per sezione di 100 $ di retribuzione assicurabile fino alla fine del 2010 – il tasso più debole dal 1982.
• 7,7 miliardi di dollari per modernizzare l’infrastruttura, sostenere l’accesso alla proprietà e migliorare l’edilizia sociale.
• Quasi 1,9 miliardo di dollari nelle infrastrutture scolastiche, nella ricerca, l’innovazione tecnologica e la tutela dell’ambiente.
• 2,2 miliardi di dollari per creare possibilità d’occupazione nelle regioni, le comunità e le industrie più duramente provate dal rallentamento dell’economia.

Il bilancio del 2010 prevede misure ben precise per proteggere i lavoratori canadesi contro gli effetti della recessione, in particolare:
• Prolungare temporaneamente la durata massima degli accordi di lavoro condiviso per proteggere occupazioni.
• Sostenere la prossima generazione di dirigenti aziendali accordando un nuovo finanziamento di 10 milioni di dollari alla fondazione canadese dei giovani imprenditori.
• 60 milioni di dollari per i giovani.
• 30 milioni di dollari per migliorare il rendimento scolastico degli allievi delle prime nazioni (scuole elementari e secondarie).

Il bilancio del 2010 apporta cambiamenti ben precisi per migliorare la crescita della produttività in Canada tramite l’innovazione, grazie alle misure seguenti:
• 45 milioni di dollari su cinque anni per un programma di borse di ricerca post dottorato.
• 222 milioni di dollari su cinque anni per rafforzare la ricerca condotta nell’impianto TRIUMF, il principale laboratorio nazionale del Canada in materia di ricerca nucleare e di fisica delle particelle.
• A Génome Canada 75 milioni di dollari in più (ricerca in genomica).
• Raddoppiare le sovvenzioni al Programma d’innovazione nei collegi e la comunità versando 15 milioni di dollari di più all’anno.
• 135 milioni di dollari in due anni su iniziativa dei gruppi d’innovazione regionali del Consiglio nazionale di ricerche del Canada.
• 48 milioni di dollari su due anni per la ricerca sugli isotopi medici e le loro applicazioni.
• 497 milioni di dollari su cinque anni per l’elaborazione della missione della costellazione RADARSAT.
• Lanciare un nuovo programma d’innovazione e di commercializzazione nelle piccole e medie imprese, dotato di 40 milioni di dollari su due anni.
• Rinnovare e rendere permanente il finanziamento annuale di 49 milioni di dollari accordato alle agenzie di sviluppo regionale per sostenere l’innovazione.

Il bilancio 2010 prevede nuove misure per migliorare le condizioni d’investimento, aumentare la concorrenza e ridurre gli ostacoli per le imprese:
• Eliminare le spese doganali per l’industria manifatturiera, eliminare tutte le tariffe ancora in vigore sui macchinari, il materiale e le merci importate, oltre che sull’input di fabbricazione. Una messa in opera, questa misura permetterà alle imprese canadesi di economizzare ogni anno 300 milioni di dollari.
• Migliorare il regime di tasse internazionali del Canada per facilitare gli investimenti, ridurre i problemi amministrativi e razionalizzare il processo d’osservazione che riguarda l’applicazione dell’imposta alle attività transfrontaliere.
• 7,2 milioni di dollari su due anni per migliorare l’accesso del settore canadese della pesca al mercato internazionale.
• 75 milioni di dollari su tre anni per sostenere gli investimenti dell’industra del bestiame per migliorarne lo sfruttamento e fare in modo che gli allevatori abbiano accesso ad impianti concorrenziali.

Il bilancio 2010 include misure in grado di stimolare gli investimenti nell’energia, di contribuire allo sviluppo ed all’attuazione di tecnologie d’energia pulita, per proteggere ed arricchire il patrimonio ambientale:
• Per puntare sulle energie rinnovabili di prossima generazione, 100 milioni di dollari nei prossimi quattro anni. Sostenere l’elaborazione, la commercializzazione e l’attuazione di tecnologie avanzate d’energia pulita nel settore forestale.
• Modernizzare il regime di regolamentazione applicabile agli esami dei progetti e favorire la consultazione dei popoli autoctoni nei grandi progetti di risorse naturali.

Il bilancio 2010 vede aumentare gli investimenti per le infrastrutture canadesi, grazie alle misure seguenti:
• 175 milioni di dollari su due anni per rinnovare la flotta e gli impianti costieri di marina atlantica e migliorare i servizi offerti.
• 28 milioni di dollari per fare in modo che le traversate nella regione dell’Atlantico continuino ad essere sicure ed affidabili.
• 51 milioni di dollari su due anni alla società Ponts Jacques Cartier e Champlain Inc., affinché mantenga la sicurezza dei ponti di Montreal.

Il bilancio 2010 prevede misure a sostegno del settore finanziario, in particolare:
• Insieme con province e territori, lavorare per la creazione di un organismo canadese di regolamentazione dei valori mobiliari (entro i prossimi tre anni).
• Aumentare l’accesso al finanziamento proseguendo col programma di credito alle imprese (PCE) e creando un partenariato per il finanziamento dei veicoli e del materiale.
• Adottare un codice di condotta destinato all’industria canadese delle carte di credito e di debito; proporre misure legislative che accorderanno al ministro delle finanze il potere di regolamentare, se del caso, le pratiche delle reti di carte di credito e di debito sul mercato.
• Instaurare un quadro legislativo per permettere alle cooperative di credito di costituirsi ed essere prorogate ai sensi delle leggi federali, cosa che favorirà la crescita continua e la competitività di questo settore ed aumenterà la stabilità finanziaria.
• Migliorare il quadro finanziario di tutela dei consumatori grazie all’instaurazione di nuove misure volte a migliorare le pratiche commerciali e di un regime di divulgazione per le istituzioni finanziarie federali.

Il bilancio 2010 prevede misure per sostenere le famiglie e le comunità vulnerabili, in particolare:
• 6,6 milioni di dollari per le vittime di atti criminali, agevolando l’accesso alle prestazioni di malattia dell’assicurazione-occupazione per i membri delle famiglie toccate da un fatto criminoso.
• Migliorare l’imposizione della prestazione universale per la custodia dei bambini in modo che un trattamento fiscale simile sia applicato ai genitori soli ed alle famiglie con due genitori a reddito unico.
• 62 milioni di dollari per sostenere gli atleti canadesi ed incoraggiare la pratica dello sport dilettantistico.
• 45 milioni di dollari su tre anni al Fondo per l’accessibilità.
• 199 milioni di dollari per la convenzione di regolamento conclusa con gli ex allievi dei pensionati indiani.
• 53 milioni di dollari per la prevenzione nei servizi all’infanzia ed alla famiglia forniti alle prime nazioni.
• Migliorare l’accesso dei residenti del Nord a prodotti alimentari sani e a prezzo accessibile.

Il bilancio 2010 difende le persone che hanno aiutato a costruire il Canada con le misure seguenti:
• 2 milioni di dollari per un programma di monumenti commemorativi di guerra.
• Migliorare l’accesso delle famiglie dei soldati alle prestazioni parentali e di malattia dell’assicurazione-occupazione.
• 10 milioni di dollari al Programma nuovi orizzonti per gli anziani (volontariato-benevolato).

Il bilancio 2010 rispetta l’impegno del Canada di raddoppiare l’aiuto internazionale:
• Aumentare di 364 milioni di dollari la busta dell’aiuto internazionale, per portarla a 5 miliardi all’anno di finanziamento permanente.
• 800 milioni di dollari di più in fondi da prestare e 40 milioni in fondo da accordare sotto forma di sovvenzioni a sostegno di prestiti concessivi ai paesi più poveri.

Piano d’azione economica del Canada, quinta relazione:

Il Piano d’azione economica del Canada fa un’iniezione di 62 miliardi di dollari all’economia. Entro la fine del mese, i 37 miliardi di dollari previsti nel 2009-2010 per le misure d’incentivazione federali, provinciali e territoriali saranno stati quasi interamente utilizzati. Dal luglio 2009, più di 135.000 posti di lavoro sono stati creati in tutto il paese. Il 92% dei fondi riservati per il 2010-2011 è impegnato.