Canada
19:16pm4 luglio 2011

Will e Kate: sorrisi e strette di mano

ANSA – Con la sua grazia ed il suo sorriso, Kate ha sedotto come Diana; mentre a Will e’ andata decisamente meglio che al padre Carlo alcuni anni or sono, quando il principe di Galles aveva dovuto entrare per una porta laterale del Municipio, per evitare i lazzi degli indipendentisti francofoni del Quebec. Solo uno striscione ‘Viva il Quebec libero’ trainato in cielo da un aereo e circa 200 manifestanti antimonarchici della rete di resistenza degli abitanti del Quebec (Rrq), tenuti a distanza e non violenti, hanno contestato la nuova coppia reale britannica, ieri a Quebec City, dove l’accoglienza popolare è stata in realtà molto calda ed affettuosa.

   Will e Kate, attesi ora nei territori canadesi del Nord Ovest prima di spostarsi in California, hanno addirittura fatto uno strappo al protocollo, e si sono avvicinati al pubblico, stringendo numerose mani e distribuendo sorrisi e parole gentili a tutti. Poco prima, il duca e la duchessa di Cambridge avevano visitato la Maison Dauphine, un centro di recupero per tossicodipendenti. La coppia reale e’ stata accolta al municipio dal premier del Quebec, Jean Charest, e dal sindaco della citta’ Regis Lebeaume, e Will ha letto il suo discorso in francese, scusandosi per il pesante accento inglese. Le prima contestazioni anti monarchiche si erano verificate il giorno prima a Montreal, dove Will e Kate erano stati accolti a fischi e schiamazzi mentre si recavano in visita all’ospedale pediatrico di Sainte Justine. Alcuni manifestanti, armati di pentole e barattoli, alla vista della coppia reale avevano cominciato a battervi sopra con martelli e altri oggetti producendo un rumore assordante. Will e Kate erano quindi scesi dalla macchina infilandosi subito nella porta d’ingresso, senza concedersi alla folla in attesa, tra cui c’erano anche diversi loro ‘fan’.

   Il gruppo di anti-monarchici, non proprio numeroso ma certamente agguerrito, esibiva cartelli con apprezzamenti tutt’altro che lusinghieri nei confronti del principe. Uno lo tacciava di ‘criminale di guerra’. Un altro recitava ‘Parassita, tornatene a casa’. Altri ancora dicevano semplicemente ‘Abbasso la monarchia’ o ‘Il Quebec e’ francese’.

Anche la manifestazione di domenica e’ stata organizzata dall’Rrq, insieme con la ‘Societa’ di San Giovani Battista’ di Montreal, che si batte anch’essa  per la salvaguardia della lingua francese nel Nord America.

Il tour in terra canadese del principe William e di sua moglie Kate Middleton, primo viaggio ufficiale dopo le nozze, dopo Ottawa (30 giugno e 1 luglio), Montreal e Quebec (2-3 luglio), è proseguito per Charlottetown e Summerside (Isola del Principe Eduardo), Yellowknife (Territori del Nord- Ovest) dal 4 al 6 luglio, e Calgary (Alberta) dal 6 all’8 luglio. Visitate la nostra galleria fotografica.