Canada
16:42pm20 febbraio 2020 | mise à jour le: 20 febbraio 2020 à 16:42pm

Una bicicletta, una chitarra e l’Europa

Una bicicletta, una chitarra e l’Europa
Photo: Foto cortesiaL’arrivo di Antonio Piretti “Toz” ad Halifax nel luglio del 2017

Nuovo tour e nuovo album per “Toz” Antonio Piretti

Lo avevamo lasciato nel giugno del 2017 mentre affrontava la tappa montrealese del suo tour “From the Roots in the right direction” (Dalle origini nella giusta direzione), un tour solitario in bicicletta e chitarra che lo ha portato, “coast to coast”, da Vancouver ad Halifax per sottolineare i 150 anni del Canada.

Lo ritroviamo, oggi, con la stessa determinazione, intento a preparare la sua nuova avventura: ”Not only a currency” (”Non solo una moneta”), che lo porterà, da aprile a luglio, ad attraversare, sempre in compagnia della sua fedele bicicletta e della sua inseparabile chitarra, quasi tutti i Paesi europei che hanno in comune l’euro.

Antonio Piretti, detto ”Toz”, 48 anni, nato a Bologna e trasferitosi a Toronto nel 2009, si è gettato anima e corpo in questa sua nuova sfida sportivo-musicale partendo dall’esperienza positiva del suo precedente tour.

«Quella del 2017 – afferma – è stata una bellissima esperienza. Non era poi così scontato fare 6038 km in bicicletta! All’inizio avevo dei dubbi. Mi chiedevo: ce l’avrei fatta? Sono riuscito a portarla a termine e ciò mi ha aperto una specie di ”finestra” di simpatia e di incoraggiamento su quesa formula che avevo scelto di unire lo sport alla musica, di fare ogni giorno una media di un centinaio di km e di fermarmi là dove è stato possibile, a fare dei concerti e a proporre le mie canzoni, il mio messaggio di collaborazione, di volontà, di determinazione, il mio modo di vedere le cose, anche perché la musica e lo sport sono due parti fondamentali della mia vita.

Ma poiché sono sia canadese che italiano, quindi anche europeo, ho pensato di ripetere questa formula in Europa, da Lisbona, che sarà il mio punto di partenza, fino alla Grecia, passando per ben 16 paesi europei compresa, naturalmente, l’Italia.

”Toz” con le sue “passioni”, chitarra e bicicletta

Gli europei – aggiunge Toz – hanno delle radici comuni e molte cose in comune ma spesso si comportano come ”cani e gatti”. Allora vorrei che ci fosse più collaborazione, più unità d’intenti e meno barriere di tutti i tipi per sentirci tutti più uniti. Il mio non vuole essere un messaggio politico ma semplicemente un invito ad avere, tanto in Canada che in Europa, un atteggiamento più maturo e collaborativo, un invito a rispettare le differenze ed a superare le divisioni».

 

5100 km attraverso l’Europa

Se alcuni dei principali ”nemici” del suo tour canadese sono stati il vento e la pioggia, in Europa, molto probabilmente sarà il caldo.

«Mi sto preparando’» – afferma Antonio che ha iniziato la preparazione in palestra il 1° febbraio scorso. «Prevedo di percorrere circa 5100 km per una media di 120 km al giorno; è ancora un stima perché sia l’itinerario che le eventuali date dei concerti nei vari paesi europei sono ancora in via di definizione. Mia moglie e mia figlia mi seguiranno con il camper.

Questo tour – aggiunge – servirà anche a promuovere la parte musicale, ovvero il mio ultimo album che si intitola ”Three”, registrato a Bologna insieme ai ragazzi con i quali suonavo prima di lasciare l’Italia per il Canada. Ho scritto i testi, gli accordi per la chitarra, ho curato anche la melodia in generale e la parte ritmica e mi sono occupato della registrazione, ho cercato, insomma, di fare un po’ tutto, “do it yourself”, anche per diminuire i costi. Alcune sono canzoni che avevo scritto anni fa ma che ho completamente rifatto e che mi rappresentano di più per come sono adesso. “Let it go”, ad esempio, è una canzone che ho scritto perché nonostante il desiderio di costruire e di cambiare, ogni tanto bisogna anche lasciar andare le cose mentre “I’m on my way” l’ho scritta perché a me non piacciono le persone che si lamentano troppo: se nella vita c’è qualcosa che non ti piace, cambiala e vai per la tua strada». E di strada ”Toz” ne ha percorsa e si prepara a percorrerne tanta con una bicicletta, una chitarra e un semplice messaggio di unità.

Per informazioni: AntonioPirettiToz.com; e-mail: cool@antoniopirettitoz.com