In primo piano
14:39pm27 gennaio 2021 | mise à jour le: 27 gennaio 2021 à 14:39pmReading time: 2 minutes

Covid: dai visoni ai felini, anche gli animali sono contagiati

I più a rischio sono i mammiferi, anche scimmie e pecore

Ansa – Il primo è stato il pipistrello. Poi è toccato a gatti, cani, criceti e visoni, ma in realtà la lista degli animali che possono rimanere contagiati dal coronavirus Sars-Cov-2 si allarga sempre di più con il passare dei mesi: l’ultima segnalazione arriva da uno zoo della Svezia dove una tigre e due leoni hanno contratto il virus, mentre una decina di giorni fa è stata la volta di due gorilla e un leopardo delle nevi da due diversi zoo negli Usa, a San Diego e Louisville.

Le prime preoccupazioni sul rischio di contagio negli animali si erano avute a febbraio del 2020, dopo la contaminazione occasionale a Hong Kong di un cane da parte di una donna malata.

Il primo contagio in un gatto è stato diagnosticato a fine marzo in Belgio, dalla facoltà di Medicina veterinaria dell’Università di Liegi. Anche in quel caso il contagio era partito dall’uomo. Altre infezioni nei gatti sono avvenute in aprile a New York e nella stessa città ad aprile erano risultati positivi quattro tigri e tre leoni in uno zoo del Bronx a New York, il primo caso di grandi felini contagiati.

In realtà, come ha scoperto un recente studio dell’University College di Londra, sono almeno 26 le specie di animali potenzialmente suscettibili al virus SarsCoV2. A dispetto di pesci, uccelli e rettili, gli animali più a rischio sarebbero i mammiferi, inclusi cani, gatti, leoni, tigri e furetti. In alcuni animali come pecore, scimpanze’, gorilla, oranghi e bonobo, la proteina virale Spike potrebbe legarsi al recettore Ace-2 con la stessa forza con cui lega i recettori delle cellule umane. E i fatti sembrano confermarlo.

Oltre ai visoni, rimasti contagiati in diversi allevamenti in Olanda e Danimarca, la cronaca riporta i casi anche di quattro leoni dello zoo di Barcellona risultati positivi al coronavirus a dicembre e poi degli altri segnalati nei mesi successivi negli zoo americani e l’ultimo in Svezia.

 

 

More Like This