In primo piano
20:27pm29 marzo 2021 | mise à jour le: 30 marzo 2021 à 20:12pmReading time: 6 minutes

In memoria dell’On. Marisa Ferretti Barth

In memoria dell’On. Marisa Ferretti Barth
Photo: Foto cortesia CRAICMarisa Ferretti Barth

In memoria dell’On. Marisa Ferretti Barth

Con profondo sentimento di cordoglio il Consiglio Regionale delle persone Anziane Italo-Canadesi (CRAIC) annuncia la dipartita dell’On. Marisa Ferretti Barth venuta a mancare il 28 Marzo 2021.

Il Consiglio d’Amministrazione e tutta l’equipe si uniscono alla famiglia e alle persone care nel lutto per questa grande perdita.

Le sue doti fuori dal comune e la sua dedizione l’hanno portata alla nomina al Senato del Canada nel 1997 dove è rimasta in carica fino al 2006.

L’On. Barth ha fondato e diretto il CRAIC con estrema dedizione fino a che le forze glielo hanno permesso. Pioniera nell’ambito socio-comunitario, ha realizzato molteplici traguardi che le hanno valso alcune tra le più alte cariche e onorificenze in Canada e in Italia.

I suoi successi sono ancor più rimarchevoli in quanto ottenuti da donna, in un contesto sociale dove la parità di genere non era affatto data per scontato.

Il suo impegno nel migliorare le condizioni di vita degli anziani è iniziato fin dal suo arrivo in Canada dalla Svizzera nei primi anni ’70. Il suo lavoro sul campo, in collaborazione con il Consolato d’Italia a Montreal, l’ha portata a prendere contatto diretto con centinaia di anziani immigrati dall’Italia nella regione del Grand Montreal, garantendo loro il diritto alla pensione e rendendosi conto, al tempo stesso, delle condizioni di isolamento sociale vissute da questi.

Da qui ha avuto inizio una lunga storia di impegno instancabile e di grandi successi nella creazione di ben 84 club dell’Età d’oro: luoghi in cui gli anziani della comunità italiana di Montreal possono incontrarsi e socializzare ritrovando il conforto delle loro origini e tradizioni. Nel 1974 la gestione dei primi club richiese la fondazione di un organismo capace di dare loro un supporto efficace e organizzato; ecco che nacque il CRAIC: una voce autorevole presso le istituzioni e al tempo stesso un punto di riferimento familiare e caloroso per i nostri anziani.

Attraverso il CRAIC l’On. Barth ha saputo stabilire un dialogo costruttivo con le istituzioni governative a tutti i livelli, permettendo così ai clubs affiliati di trovare gratuitamente un luogo di ritrovo per le loro attività e fornendo tutto il sostegno amministrativo necessario per servire al meglio tutti i membri.

Il carisma e l’indole socievole dell’On. Barth hanno coinvolto innumerevoli persone in progetti che guardavano sempre all’eccellenza del risultato e al primato in ambito socio-comunitario. In ogni iniziativa, l’obiettivo era soprattutto permettere a chiunque di partecipare; questo ha messo il CRAIC difronte a grandi sfide. Nonostante tutto, in circa mezzo secolo di attività, l’On. Barth ha accompagnato gli anziani del CRAIC attraverso le più svariate esperienze: dai viaggi alla produzione ed esposizione di artigianato, dagli spettacoli di danza alle esibizioni della corale, dalle scampagnate alle grandi serate di gala, ampliando sempre di più i loro orizzonti e dimostrando a tutti che la vita può essere vissuta pienamente anche nella Terza e Quarta Età.

Attraverso il CRAIC l’On. Barth ha sviluppato programmi di aiuto domiciliare per tutti gli anziani in perdita di autonomia, per permettere loro di restare più tempo possibile nel conforto della loro casa.

La sua passione, la determinazione, lo spirito d’iniziativa, la creatività inarrestabile e il dinamismo senza pari, le hanno permesso di lasciare un segno indelebile nella storia dei servizi e delle attività per gli anziani. Oltre al CRAIC, l’On. Barth è stata governatrice della Fondazione Comunitaria Italo-Canadese – Québec (FCCIQ) dal 2005, ha fondato la prima residenza per anziani d’origine italiana a Montreal: I Giardini d’Italia, è stata, prima, Direttrice e, in seguito, Presidente dei Servizi Comunitari Italiani e Presidente dell’AIAC (Associazione Italiana Assistenza Colletiva presso il Consolato d’Italia a Montréal).

La carriera di Marisa Ferretti Barth ha brillato in molteplici occasioni anche al di là della comunità italo canadese di Montreal. Mettendo la sua esperienza a disposizione di altre comunità, ha partecipato alla fondazione del primo club dell’Età d’oro cinese, nel 1977, seguito poi, da molti altri di varie comunità etniche. Ha fatto parte dei consigli d’amministrazione di diverse istituzioni, molte delle quali a carattere multietnico e inclusivo, è stata fra l’altro, membro del comitato di creazione del primo Centro locale dei servizi comunitari (CLSC) nel quartiere di St-Eduard, Vicepresidente della Fondazione dell’Ospedale Santa Cabrini, Intermediario per gli accordi intergovernativi tra il Québec e l’Italia, membro fondatore della Tavola di Concertazione degli Anziani dell’Isola di Montreal.

Numerosi riconoscimenti prestigiosi hanno sottolineato il valore del suo operato; tra questi ricordiamo i titoli di Grande Ufficiale dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana nel 2003, Cavaliere dell’Ordine Nazionale del Québec nel 2008 e Ufficiale dell’Ordine di Montreal nel 2018.

L’on. Marisa Ferretti Barth ha ricevuto nel 2008 il titolo di Cavaliere dell’Ordine Nazionale del Québec

Nel corso del suo mandato da Senatrice ha promosso e ottenuto l’inserimento della Chiesa di Nostra Signora della Difesa nella lista dei Luoghi Storici Nazionali del Canada il 15 giugno 2000.

Malgrado i numerosi impegni, la sua vicinanza al CRAIC e ai suoi membri è rimasta sempre la sua priorità. La sua presenza costante e concreta ha creato e rafforzato sempre di più un legame di solidarietà e amicizia unico tra tutti i membri della grande famiglia del CRAIC.

Negli ultimi giorni, seguendo le sue volontà, abbiamo mantenuto il massimo riserbo sulle sue condizioni di salute, perché voleva che tutti la ricordassero forte e piena di energia come sempre.

Al di là delle realizzazioni e dei titoli, resta indelebile nel cuore di tutti noi il valore umano di un’esperienza di vita esemplare e l’obbligo morale di onorare il suo esempio che illuminerà la nostra strada per molti anni a venire.

Date le circostanze attuali dovute alla pandemia di COVID-19, i funerali si svolgeranno in forma privata. Una celebrazione pubblica sarà organizzata dalla famiglia dell’On. Barth con la collaborazione del CRAIC, non appena sarà possibile.

Si invita chiunque voglia omaggiare l’On. Barth a non inviare fiori ma una donazione al CRAIC (671, Av. Ogilvy H3N 1N4  tel. (514)273-6588), o alla Société canadienne du cancer.

More Like This