In primo piano
17:05pm24 gennaio 2017 | mise à jour le: 24 gennaio 2017 à 17:05pmReading time: 6 minutes

Il Corriere dei Ragazzi

Le invenzioni italiane che hanno cambiato il mondo

L’Italia è una piccola Nazione, abbiamo studiato che occupa solo lo 0,5% della terra, ma ha 60 milioni di abitanti, quasi il doppio dell’intero Canada. È una Nazione conosciuta nel mondo per l’arte, la cultura, la cucina, la moda, ma non tutti sanno che l’Italia è una nazione di geni e inventori.

Abbiamo imparato a scuola che quasi tutto quello che usiamo nella vita di tutti i giorni è stato inventato dagli italiani e per questo siamo molto orgogliosi. Vi facciamo qualche esempio. Oggi possiamo volare per viaggiare più velocemente perché Leonardo da Vinci verso il 1500 ha disegnato l’aliante e Corradini D’Ascanio nel 1930 ha inventato l’elicottero.

Abbiamo il telescopio e il microscopio perché Galileo li ha inventati  nel 1609.

Altre invenzioni importanti sono quelle di Alessandro Volta che ha inventato la Pila Elettrica, e di Alessandro Cruto che ha inventato la lampadina, quella che ancora oggi usiamo nelle nostre case.

Marconi e Meucci inventano nel 1854 il telegrafo e il telefono, oggi infatti grazie a questa invenzione abbiamo i telefoni cellulari. Ma ecco altre invenzioni che non sapevamo italiane.

Giovanni Caselli nel 1855 inventa il Fax, Giuseppe Ravizza nel 1855 la macchina da scrivere e non ci potevamo credere, Pier Giorgio Perrotto nel 1962 inventa il personal computer.

Giulio Natta nel 1954 ha inventato la plastica che cambia la maniera di vivere di tante persone nel mondo, Eugenio Bersanti e Felice Matteucci inventano il motore a scoppio che oggi permette di usare le automobili su tutte le strade del mondo.

E ancora Bartolomeo Cristofori nle 1698 inventa il Pianoforte!

Nella moda, Valentino dal 1967 cambia il modo di vestire di tante persone, vince l’Oscar della moda nel mondo!

La lista sembra non finire mai. Queste sono solo alcune delle straordinarie invenzioni italiane. Tutte queste persone hanno contribuito a cambiare il mondo e lo hanno reso un posto mogliore. È bello avere imparato che nel mondo il genio è italiano da sempre.

Angelica Tiseo 602, Karina Gaveglia Luna 604, Anthony Franze 604, Emma B. 602 (assente nella foto)

Le invenzioni che si mangiano!

Tante sono le invenzioni italiane che abbiamo conosciuto e studiato, ma quelle che noi ragazzi preferiamo sono le invenzioni che “possiamo mangiare”, come la Nutella, la pasta, la pizza.

La Nutella

Ho scoperto che la storia comincia nel 1946 quando Pietro Ferrero inventa una pasta dolce con le nocciole e la chiama “Giandujot”. Si poteva tagliare a fette e mettere sul pane. Questa pasta in poco tempo viene trasformata in una crema chiamata Super Crema. Nel 1963 Michele Ferrero, figlio di Pietro, la migliora fino a trovare la giusta formula. Nasce così la moderna Nutella chiamata in tal modo dalla parola inglese “nut”, nocciola, ingrediente base della crema. Da quel momento la Nutella è la crema alla nocciola più famosa nel mondo. Esiste anche la “Giornata della Nutella” il 5 gennaio, celebrata nel mondo, la “World Nutella Day”.

La Pizza

Un’altra interessante invenzione italiana è la pizza, conosciuta e mangiata in tutto il mondo. Nasce ai tempi dei Greci e dei Romani. In quei tempi era una semplice focaccia preparata con farina, acqua e un poco di sale. La trasformazione si ha con la pizza Napoletana che aggiunge il lievito, il pomodoro e la mozzarella. Nel giugno del 1889 Raffaele Esposito inventa la pizza Margherita. Prepara 3 tipi di pizza per la visita della Regina Margherita di Savoia a Napoli. Una di queste tre pizze aveva i colori della bandiera italiana, il bianco della mozzarella, il rosso del pomodoro e il verde del basilico. Da allora la pizza Margherita è la pizza più famosa nel mondo. Oggi la ricetta della pizza deve rispettare delle regole; deve essere cucinata nel forno a legna, deve avere 35 centimetri di diametro e non deve essere alta più di un centimetro.

La Pasta

La Pasta rappresenta la cucina italiana nel mondo. È una parte importante della nostra storia. A scuola ci hanno insegnato che Marco Polo ha portato la pasta dai suoi viaggi in Cina, molti secoli prima della nascita di Gesù. I Greci e gli Etruschi erano già abituati a preparare i primi tipi di pasta. Infatti le origini sono molto antiche, ma la vera trasformazione della pasta è in Italia. La temperatura in Italia ha migliorato la produzione della pasta che per secoli veniva lasciata asciugare fuori con  l’esposizione all’aria aperta. La fantasia della cucina italiana nel tempo ha creato tanti tipi di pasta e tante ricette diverse che hanno trasformato la pasta da semplice cibo a uniche ricette apprezzate in tutto il mondo.

@BV:Emma Iammatteo 603

Il proverbio italiano del mese

“Quando viene la Candelora, dell’inverno siamo fuori; ma se piove o c’e’ vento, nell’inverno siamo drentro”.

Questo e’ un proverbio italiano molto antico, un po’ difficile da capire per noi, ma lo abbiamo studiato e siamo riusciti a scoprire il suo significato.

La Candelora si festeggia in Italia il 2 Febbraio. E’ una festa molto antica che si celebrava nell’ antica Roma. In quei tempi le donne giravano con le candele accese per le vie della citta’ come simbolo di luce e di benedizione .

La Candelora rappresenta il passaggo tra l’inverno e la primavera, ma ci sono delle regole antiche che dicono che se in quel giorno , il 2 Febbraio c’e una bella giornata, la primavera e’ vicina, ma se  piove o c’e’ vento avremo ancora un inverno molto lungo .

Abbiamo scoperto che anche in  America e in Canada  lo stesso giorno il 2 Febbraio e’ un giorno importante per avere notizie sulla fine dell’inverno. Si chiama “Groundhog Day” e questa volta e’ una marmotta a dirci se l’inverno sta per finire. Infatti se questo simpatico animale esce dalla sua tana e non vede la sua ombra, perche’e’ una giornata nuvolosa, l’inverno sta per finire, altrimenti se  riesce a vedere la sua ombra perche’ c’e’  il sole  la primavera ritardera’ di sei settimane.

Ci possiamo credere…non so, ma i proverbi antichi hanno sempre ragione, e allora Buona Candelora a tutti, speriamo quest’anno pieno di sole e di aria di primavera!

Alexa Savo 601, Sabrina Ferrucci 601, Megan Silva 601