In primo piano
15:59pm29 giugno 2021 | mise à jour le: 29 giugno 2021 à 15:59pmReading time: 3 minutes

Femminicidio: lettera aperta del Centro donne solidali e impegnate

Femminicidio: lettera aperta del Centro donne solidali e impegnate
Photo: Foto cortesiaIl personale del Centro. In primo piano, da sin.: Mariam Sarr e Marion Joan. Dietro, da sin.: Pina Di Pasquale (direttrice); Barbara Bologna; Janelle LeBlanc

In seguito all’annuncio di un tredicesimo femminicidio in Québec, il Centro Donne solidali ed impegnate ha preso l’iniziativa di redigere una lettera aperta per interpellare il governo sull’aumento dei casi di violenza contro le donne.

I numeri sono drammatici, sono già 13 le vittime e siamo soltanto a metà anno. Queste donne sono le nostre madri, sorelle, figlie, amiche, colleghe di lavoro, etc.

Quante altre di loro dobbiamo vedere ancora uccise violentemente? ADESSO BASTA! Non c’è più tempo da perdere, è ora di alzare più forte la voce affinché il nostro grido di aiuto arrivi a chi di dovere.

 

Montréal, 15 giugno 2021

In Québec si uccidono le donne.

Non si tratta di omicidio, no. Le pugnalano, le picchiano a morte, e nel frattempo facciamo degli orfani.

Vengono assassinate, selvaggiamente, perché sono donne e ragazze. Perché nella società in cui viviamo, è ancora accettabile far subire delle violenze alle donne.

È tempo di smettere di considerare i femminicidi e le violenze sessiste come fatti vari sporadici che si dimenticano dopo aver pubblicato una foto di un nastro bianco accompagnato da un hashtag popolare.

Uccidere le donne, a causa del loro sesso o della loro identità e espressione di genere, non è un evento insignificante. È il risultato di violenze sistemiche, gentilezza del patriarcato. È un sintomo di una società malata che marcisce nell’indifferenza generale.

13 femminicidi dall’inizio dell’anno sono abbastanza, bisogna agire, e in fretta!

Onorevole Guilbault, i servizi possono essere disponibili, ma non sono sufficienti (1). Forse non lo sapete, ma il sottofinanziamento cronico da parte delle organizzazioni di prima linea, come il centro per le donne e le case di accoglienza, non garantiscono i servizi essenziali dei quali necessitano. L’offerta di servizi e di attività diminuisce mentre la domanda continua a crescere a un ritmo esponenziale dopo la pandemia.

Il femminicidio è l’esito macabro di una serie di violenze ripetute e sistemiche che possono essere psicologiche, fisiche, finanziarie, sessuali, verbali, coloniali e spirituali. È possibile ridurre gli effetti della normalizzazione della violenza attraverso la sensibilizzazione e l’intervento. Tuttavia, combattere la violenza contro le donne richiede azioni concrete da parte del nostro governo. È giunto il momento di far uscire la nostra società da questo stato di natura in cui ci siamo bloccati.

In questo senso, chiediamo l’attuazione delle 190 raccomandazioni contenute nella relazione del comitato di esperti sull’accompagnamento delle vittime di aggressioni sessuali e di violenze domestiche.

Tutti noi abbiamo un ruolo da svolgere perché quando perdiamo una delle nostre, è già troppo tardi.

A tutte le donne che hanno perso la vita, vi ricordiamo e vi portiamo nel nostro cuore. Non vi dimenticheremo.

A tutte le donne che vivono una situazione di violenza, il Centro donne solidali e impegnate (1586 Fleury Est #100, Montréal, H2C 1S6, tel: 514-388-0980) è lì per voi. Vi crediamo, vi capiamo e vi sosteniamo. Vi accogliamo a braccia aperte, accompagnandovi secondo i vostri bisogni, nel rispetto del vostro ritmo.

Oggi più che mai, la nostra lotta contro la violenza contro le donne continua!

Solidalmente,

Il personale del Centro donne solidali e impegnate

 

(1) In riferimento alla seguente dichiarazione: «I servizi ci sono, ma purtroppo sembra che non si potrà mai impedire tutto».

 

 

 

More Like This