In primo piano
21:27pm9 gennaio 2023 | mise à jour le: 9 gennaio 2023 à 21:27pmReading time: 9 minutes

Legge 56, Cap.R-1.1, la legge che riconosce e sostiene i Caregivers (familiari curanti), legislazione e misure

Legge 56, Cap.R-1.1, la legge che riconosce e sostiene i Caregivers (familiari curanti), legislazione e misure
Photo: Foto iStockNella provincia del Québec, il numero di familiari curanti è di circa un milione e cinquecentomila persone

di Avv. Margherita M Morsella,

mmorsella@devichyavocats.com

 

La legge del Québec che mira a riconoscere e sostenere i Caregivers, (familiari curanti) cap. R-1.1, è stata adottata nell’ottobre 2020 ed è stata aggiornata il 31 ottobre 2021. La legge contiene 48 articoli e 10 capitoli.

Lo scopo della legge è di guidare il governo nella pianificazione e nella realizzazione di azioni volte a ottenere il riconoscimento per il contributo dei caregivers (familiari curanti) e nel sostenerli nel loro ruolo.

La legge specifica che il governo deve adottare una politica nazionale ed un piano d’azione quinquennale (2021-2026), nonché l’istituzione del comitato dei soci (da 11 a 17 membri) e dell’osservatorio quebecchese dei familiari curanti (13 membri nominati dal ministro del Québec e attualmente, nessun membro proviene dalle comunità culturali).

La legge stabilisce la Settimana nazionale per i caregivers (familiari curanti) nella prima settimana di novembre. Il ministro responsabile per gli anziani, la signora Sonia Bélanger, è responsabile dell’applicazione della legge in questione.

La legge riconosce lo status giuridico dei caregivers (familiari curanti), ma non prevede alcun compenso finanziario per il loro lavoro.

Nei principi guida e nelle linee guida di cui agli articoli 4 e 5 della legge, nel 4 ° paragrafo, è specificato che: “Lo sviluppo di ambienti concilianti che supportano e promuovono il mantenimento e il miglioramento delle condizioni di vita dei caregiver (familiari curanti), in particolare per evitare la loro precarietà finanziaria”.

Successivamente, nell’articolo 35, numero 2, è specificato: “Garantire un monitoraggio delle mutevoli esigenze dei familiari curanti e misure ed azioni efficaci ed innovative a livello nazionale e internazionale per sostenerli.

Infine, l’articolo 44 della legge indica che: ” è necessaria una valutazione delle esigenze dei familiari curanti… un’elaborazione di un piano di accompagnamento e di supporto nella pianificazione dei servizi offerti a queste persone … “

Ma la legge non parla mai di stabilire un programma di assistenza finanziaria per i familiari curanti per riconoscere il loro contributo ed aiutarli a continuare il loro sostegno per i loro parenti, famiglie od amici.

Nella provincia del Québec, dove la popolazione della rete metropolitana di Montréal (4.098.927) rappresenta la metà della popolazione della provincia, il numero di familiari curanti è di circa un milione e cinquecentomila persone (1.500.000).

Ciò significherebbe che circa un quarto della popolazione del Québec funge da caregiver (familiare curante). Da notare che il 57% dei caregiver (familiari curanti) sono donne e il 43% sono uomini (fonte: RANQ 2018 e Sylvie Riopel, Regroupement des aidantes et aidants naturels de Montréal, RAANM).

Secondo gli studi più recenti, la maggior parte dei caregivers (familiari curanti) ha un’età compresa tra i 55 e 75 anni ed oltre il 10% ha più di 75 anni. Sono quelli che forniscono la stragrande maggioranza del supporto e dell’assistenza domiciliare per la loro famiglia o amici (fonte: AQDR, febbraio 2011, p.10).

Le responsabilità e i doveri dei caregiver (familiari curanti) sono pesanti e richiedono molto tempo e dedizione. Spesso anche gli stessi familiari curanti hanno una salute fragile; diventa quindi stressante prendersi cura di coloro che ne hanno più bisogno di loro (Fonte: Statistics Canada, Social Survey, 2018).

Spesso il loro sostegno è fondamentale per aiutare la persona a guarire o migliorare la qualità della vita, ma anche per assicurare che nessuno li maltratti.

 

Un risparmio enorme per lo Stato

Sylvie Riopel, una delle specialiste in materia, ha sottolineato in una conferenza Zoom presentata al Tavolo di Concertazione delle persone anziane di Montréal il 28 gennaio 2022, che i caregiver (familiari curanti) forniscono oltre l’85% di tutte le cure e aiutano i familiari che vivono a casa e hanno problemi di salute a lunga scadenza (Source RANQ 2021).

Questo contributo equivale ad un enorme risparmio di miliardi di dollari per il sistema sanitario provinciale e federale, come  sottolinea Sylvie Riopel (Source AQDR, febbraio 2011, p.10).

L’esercito silenzioso dei caregivers (familiari curanti) consente al sistema sanitario di non disintegrarsi, perché senza il loro aiuto ci sarebbe un disastro peggiore di quello vissuto durante la pandemia quando i familiari curanti non potevano più visitare e aiutare i loro cari. I caregivers (familiari curanti), composti principalmente da persone ugualmente anziane, consentono ai governi di risparmiare miliardi di dollari.

 

Riforma fondamentale

È quindi tempo di attuare una riforma fondamentale per stabilire un programma di assistenza finanziaria per i caregivers (familiari curanti) e/o aumentare le pensioni di vecchiaia.

Dobbiamo anche essere chiari sul fatto che non possiamo solo istituire una misera indicizzazione annuale o il 10% per gli oltre 75 anni.

È vergognoso che le nostre cosiddette società avanzate lascino i nostri anziani senza un’adeguata assistenza su tutti i fronti.

L’esercito silenzioso esiste in tutto il mondo, il Québec ha iniziato con una legislazione del 2020 che riconosce lo status giuridico dei caregivers (familiari curanti).

Speriamo che il Québec continuerà ad innovare per implementare un sistema, come nella provincia della Nuova Scozia, di compensazione e un programma di assistenza finanziaria per i caregivers che va oltre i semplici crediti d’imposta. Crediti e riduzioni fiscali non sono sufficienti, né facile ad ottenere.

È importante sapere che a livello federale esiste un programma gestito da Employment Insurance che offre benefici ai caregiver. Qualificandosi come tale, è possibile ottenere assistenza finanziaria quando non è possibile lavorare perché è necessario aiutare un membro della famiglia bisognoso a causa di una malattia grave o perché morente. Esistono tre tipi di vantaggi, i cui dettagli sono disponibili sul sito web: canada.ca

 

Qual è la situazione nel Canada e delle altre province?

Secondo Statistics Canada, 8,1 milioni di canadesi agiscono come caregiver. Secondo uno studio presentato nel 2019 a livello nazionale canadese, i caregivers non pagati hanno fornito circa 9 miliardi di assistenza nel 2019, questo numero dovrebbe raggiungere i 27 miliardi entro il 2050;

Lo stesso studio ci informa che: “un numero crescente di prove dimostra che il sostegno finanziario ai caregiver non retribuiti può ridurre la probabilità che i loro familiari vengano ammessi a una residenza per anziani del 56%.

Il 98,8% dei canadesi è a favore di un maggiore coinvolgimento federale nel miglioramento dell’assistenza finanziaria disponibile per i caregivers non retribuiti che si prendono cura di genitori, famiglie o amici anziani.

(2019 Sostegno finanziario per i familiari curanti, Strategia Nazionale per anziani, NationalSeniorsStrategy.ca)

Alcune province canadesi hanno riconosciuto lo status legale dei caregiver creando leggi specifiche e programmi di sovvenzione, e sono: Nova Scotia: Nova Scotia Caregiver Benefit (2009, aggiornato nel 2018 e 2022); Manitoba: Bill 42, The Caregiver Recognition Act (2011); Ontario: Bill 59, The Caregiver Recognition Act (2018); Québec: Loi 56, Loi visant à reconnaître et à soutenir les personnes proches aidantes (Legge che  mira a riconoscere e sostenere i caregivers(familiari curanti)) (2020).

La provincia più all’avanguardia per i caregivers è la Nuova Scotia che ha un Programma di compensazione finanziaria per i caregivers, e questo dal 2009.

È un programma di assistenza finanziaria per i caregivers (familiari curanti) che in effetti è l’unico programma in Canada a fornire aiuti di $ 400 al mese ai caregivers per riconoscere il loro contributo ed aiutarli a continuare il loro sostegno ai parenti e familiari.

È destinato a coloro che non hanno accesso o non possono utilizzare altri supporti o preferiscono assumere il ruolo di caregivers. (Fonte: Health Reform Observer / Observatory of Health Reforms, Vol.9, Numero 1, Articolo 1, Implementazione del programma di assistenza del caregiver in Nuova Scozia, Supportando i caregivers non retribuiti a casa, Mara Mihailescu, Università di Ottawa 9 aprile 2021, Multipress.MCMaster.ca)

Il 24 marzo 2022, la legislatura della provincia della Nuova Scozia ha presentato il Bill 97, Social Safety Net Security Act, e per il programma di assistenza finanziaria per i caregivers (familiari curanti), hanno aumentato il pagamento del 30% dal 1 ° maggio 2022.

L’autorità sanitaria della Nuova Scozia determina l‘ammissibilità al programma attraverso un processo di valutazione e riferimento. Esiste un elenco di controllo di idoneità e il caregiver e l’assistito devono qualificarsi. Il criterio più importante per la persona che riceve l’assistenza è il reddito netto di $ 26.165 o meno se si tratta di una persona sola o di un reddito netto di $ 41.165 o meno se sposato od in unione.

Per il caregiver, i criteri più importanti sono: essere in una relazione di assistenza continua con la persona che riceve assistenza e fornire 20 ore o più a settimana. L’altro criterio importante è che non sta già ricevendo un altro pagamento per fornire assistenza alla persona per la quale fornisce assistenza. (Caregiver Benefit Program Nova Scotia).

 

Conclusione

Secondo l’assistente professoressa Laura Funk, consulente di Evidence Network, dovrebbe esserci una semplificazione del sistema di credito fiscale per i caregivers e le prestazioni assicurative sul lavoro, tanto più che, secondo questo assistente professore, i caregivers, “piuttosto che ricevere congratulazioni, vorrebbero avere servizi accessibili in caso di necessità, entrambi per se stessi e per la persona di cui si prendono cura, aumentare i servizi a domicilio. Aumentare i sussidi alle province e che i fondi verranno inviati ai servizi di pazienti anziani …” Secondo questa assistente professore, non si dovrebbe essere costretti a “combattere” contro un sistema impermeabile per ottenere aiuto. (Professoressa Laura Funk, marzo 2018, Evidence Network, questo gruppo non esiste più).

Nella nostra comunità il numero delle persone della terza età sta aumentando considerevolmente e per estensione il numero di familiari curanti è alquanto numeroso. Sono loro che hanno bisogno di più servizi ed aiuto finanziario e meritano la nostra attenzione ed intervento.

La legislazione della provincia della Nuova Scozia che ha istituito un programma di compensazione ed assistenza per i familiari curanti ci dimostra che è possibile farlo anche nel Québec. Ma di più, gli studi sul soggetto dimostrano che il 98% dei Canadesi chiedono al governo federale di agire in questo campo. (National Seniors Strategy 2019).

Chissà se i deputati (On. Rotiroti), i parlamentari (On.li Lametti, Lattanzio, Iacono) e senatori (On. Loffreda) potrebbero includere nelle loro rispettive agende questo importante soggetto? Le pensioni di vecchiaia che ricevono le persone della terza età non sono dignitose. Una riforma fondamentale è necessaria. I familiari curanti che si occupano delle persone anziane e che permettono ai governi di risparmiare miliardi di dollari meritano un compenso finanziario adeguato. I nostri anziani sarebbero molto grati se, voi che siete in posizioni di potere, poteste adoperarvi a far cambiare la legislazione in materia.

 

 

 

 

 

 

 

 

More Like This