In primo piano

Spazio al cinema italiano

Dedicato a Gabriel Garcia Marquez, il grande scrittore colombiano rcentemente scomparso, prende il via, giovedì 21 agosto, per concludersi lunedì 1° settembre, la 38ma edizione del Festival dei Film del Mondo di Montreal (FFM) che quest’anno riserva un grande spazio al cinema italiano.

Saranno 12 giorni intensi durante i quali verranno proiettati, per la goia degli amanti del cinema, ben 350 film (160 sono dei lungometraggi di cui 100 presentati in prima mondiale o internazionale e 32 in prima nordamericana) provenienti da 74 paesi. I film saranno proiettati in nove sale del cinema “Quartier Latin” (350, rue Emery, metro Berri-Uqam) e al “Cinema Imperial” (1430 rue de Bleury, metro Place des Arts).

La giuria sarà presieduta dal grande attore e regista italiano Sergio Castellitto che ha lavorato con i più grandi nomi del cinema italiano come Mario Monicelli, Ettore Scola, Giuseppe Tornatore, solo per citarne alcuni, e stranieri, come Luc Besson o Jacques Rivette, oltre che, dedicarsi anche alla regia, alla scrittura e alla produzione di vari film.

Con ben 13 film, tra lungometraggi e cortometraggi,  il ventaglio delle produzioni (e coproduzioni) cinematografiche italiane sarà ampio e variegato. Al festival sarà presente una nutrita delegazione di artisti italiani tra cui il regista Pupi Avati. 

Film in competizione mondiale

“Un ragazzo d’oro”, di Pupi Avati, presentato in prima mondiale, con Riccardo Scamarcio, Giovanna Ralli e, per la prima volta in un film italiano, la star di calibro internazionale Sharon Stone.

“Le dernier voeu” (Amanet), di Namik Ajazi, una coproduzione italo-albanese che si svolge a Tirana durante gli anni ’80 ai tempi del dittatore Enver Hoxha.

“Una storia sbagliata”, di Ginaluca Maria Tavarelli,  in prima mondiale, con Isabella Ragonese e Francesco Scianna, che narra la storia di un soldato italiano che trova la morte in Iraq e delle ricerche intraprese dalla moglie per trovare l’assassino.

Sezione “Regards sur le cinémas du monde”

“L’ultima ruota del carro”, di Giovanni Veronesi, una commedia romantica e umoristica che si svolge su quattro decenni, con Elio Germano, Alessandra Mastronardi, Ricky Memphis e Sergio Rubini.

“Tir”, di Alberto Fasulo, una coproduzione italo-croata che parla della solitudine errante dei camionisti, che spesso passano più tempo con il camion che con la propria famiglia.

“Perfidia”, di Bonifacio Angius, interamente girato a Sassari, che racconta la storia di un padre e di un figlio che si riavvicinano quando ormai è già troppo tardi.

“La mafia uccide solo d’estate”, di Pierfrancesco Diliberto, con Pif, Cristiana Capotondi, Ninni Bruschetta e Claudio Gioè, una commedia dramamtica che ci offre un panorama della Sicilia tra gli anni ’70 e ’90.

“E fu sera, e fu mattina”, opera prima del regista esordiente Emanuele Caruso. Sulla piazza principale di Avila tutti festeggiano Sant’Eurosia, protettrice dei raccolti. Ma ecco che succede un avvenimento straordinario che cambierà per sempre la vita dei suoi abitanti.

“La scultura”, di Mauro John Capece, presentato in prima mondiale, che ci porta in un mondo dove convivono, fianco a fianco, amore, prostituzione e scultura.

“Nae Caranfil” (Closer to the moon), una coproduzione Romania, Usa, Polonia e Italia che si svolge nel 1959 e narra le vicende di una rapina in banca a Bucarest e delle sue tragiche conseguenze.

“Coral”, cortometraggio di Giacomo Martelli, una coproduzione tra Italia, Samoa e Nuova Zelanda, presentata in prima mondiale, che ci porta tra i coralli del Pacifico del sud.

“I know you”, cortometraggio di Colin Gerrard e Simone Gallorini, che esplora le frontieretra il veroe il falso, uno sguardo sulla facilità e il conforto della nostra società attuale.

Infine, nella sezione “Documentari dal mondo”, e in prima canadese, verrà presentato “Felice chi è diverso”, di Gianni Amelio, che traccia un panorama storico dell’omosessualità in Italia dall’epoca fascista ad oggi.

Per i biglietti (il biglietto individuale costa 10$; sono in vendita, tra le altre formule, dei blocchetti da 10 biglietti al prezzo di 70$) o per conoscere gli orari e i luoghi di programmazione dei film visitare il sito: http://www.ffm-montreal.org o telefonare al 514-843-3883.

Fabrizio Intravaia


Commenti 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo in primo piano