In primo piano
15:26pm26 febbraio 2020 | mise à jour le: 26 febbraio 2020 à 15:26pmReading time: 3 minutes

Referendum del 29 marzo: date e modalità di voto a Montréal

Referendum del 29 marzo: date e modalità di voto a Montréal
Photo: Foto F. IntravaiaGabriella Petrone collaboratrice del Consolato e la Console Generale d’Italia a Montréal Silvia Costantini

Nell’ottobre dello scorso anno il Parlamento italiano ha approvato la proposta di legge costituzionale (Modifiche agli articoli 56, 57 e 59 della Costituzione in materia di riduzione del numero dei parlamentari, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 240 del 12 ottobre 2019) che prevede la riduzione del numero dei parlamentari da 630 a 400 deputati e da 315 a 200 senatori elettivi.

Di conseguenza, saranno ridotti anche i parlamentari eletti all’estero che passeranno da 18 a 12: 8 deputati e 4 senatori. Con il referendum costituzionale confermativo del 29 marzo, gli italiani, anche quelli residenti all’estero, dovranno decidere se approvare o meno tale riforma costituzionale. Votando ”SI” l’elettore esprimerà la sua volontà di approvare la riforma costituzionale votata dal Parlamento; votando, ”NO”, invece, l’elettore esprimerà la volontà di non approvare tale riforma.

Gli italiani residenti all’estero e regolarmente iscritti all’AIRE (Anagrafe Italiani Residenti all’Estero) potranno votare per corrispondenza secondo le modalità e tempistiche descritte dalla Console Generale d’Italia a Montréal, Silvia Costantini, nel corso di una conferenza stampa tenutasi in Consolato il 18 febbraio scorso: «Entro l’11 marzo – ha spiegato – il Consolato invierà per posta ai circa 40.000 italiani residenti nella circoscriazione consolare di Montréal, regolarmente iscritti all’AIRE, i plichi, ovvero le buste contenenti la scheda e le informazioni sulle modalità di voto.

Una volta votato, il plico dovrà essere restituito per posta al Consolato entro le ore 16 del del 26 marzo 2020. I plichi saranno inviati a Roma per lo spoglio elettorale alla chiusura delle urne il 29 marzo. Coloro i quali, pur essendo cittadini italiani residenti nella circoscrizione consolare di Montréal, non avranno ricevuto entro l’11 marzo il plico, potranno chiedere al Consolato un duplicato a partire dal 15 marzo.

 Servizi consolari e Portale ”Fast It”

Per questi motivi diventa fondamentale – ha detto la Console Costantini – comunicare al Consolato eventuali cambi di indirizzo o altre informazioni in modo da poter ricevere regolarmente il plico elettorale a casa. Per farlo è semplice, basta scrivere all’indirizzo di posta elettronica: montreal.elettorale@esteri.it ”.

«Le iscrizioni all’anagrafe degli italiani residenti all’estero – aggiunge la signora Gabriella Petrone, collaboratrice alle attività consolari – possono essere fatte anche tramite il portale ”Fast It” il cui indirizzo è: https://serviziconsolari.esteri.it a cui si può accedere anche attraverso il sito del Consolato di Montréal: https://consmontreal.esteri.it/consolato_montreal/it/

Il portale fornisce un ampio ventaglio di informazioni e servizi per gli italiani residenti all’estero e sarà via via implementato con altre funzioni come quella, ad esempio della richiesta di certificazioni».

In ultima analisi – affermano – resta sempre il n. di telefono del Consolato: 514-849-8351.

Infine, la Console Generale Costantini ha voluto ricordare che «non sarà possibile utilizzare i locali del Comites o i fondi ad esso assegnati per fare campagna elettorale a favore del ”SI” o del ”NO”. I membri del Comites – ha precisato – potranno impegnarsi nella campagna elettorale solo a titolo personale. Per contro, i Comites saranno liberi di utilizzare i loro locali e i finanziamenti erogati loro dal Consolato per illustrare alle collettività residenti le modalità e le tempistiche del voto all’estero».

 Montréal raccoglierà le schede

Montréal sarà il centro di raccolta delle schede elettorali per tutto il Canada. Le schede saranno poi inviate in Italia per lo spoglio elettorale. Gli iscritti all’AIRE in Canada sono intorno ai 140.000, così suddivisi: circa 72.000 a Toronto; intorno ai 40.000 a Montréal; circa 22.000 a Vancouver e intorno a 5000 ad Ottawa.