Attività
13:17pm1 ottobre 2021 | mise à jour le: 1 ottobre 2021 à 13:20pmReading time: 2 minutes

CGIE: sito web rinnovato e nuovo canale YouTube

CGIE: sito web rinnovato e nuovo canale YouTube
Photo: Foto cortesiaIl GCIE ha rinnovato il suo sito web

(NoveColonneATG) Roma – Il Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (CGIE) è pronto a potenziare il proprio ruolo anche nell’ambito della comunicazione caratterizzata dall’uso dei social network.

È stato realizzato il progetto della Commissione Comunicazione del CGIE di restyling del Sito web e dell’attivazione di un proprio canale YouTube.

Il sito da quest’estate ha una nuova veste grafica, ma soprattutto un nuovo dominio. Non bisogna più digitare sulla propria tastiera http://www.sitocgie.com ma www.cgieonline.it .

Il nuovo template del sito consente una facile consultazione delle varie sezioni/categorie per accedere alle informazioni o agli atti pubblicati. Inoltre, le tre slide in alto sono collegate direttamente con gli ultimi tre articoli pubblicati.

La novità di questo progetto è la creazione di un proprio canale YouTube, raggiungibile al seguente link: https://www.youtube.com/c/cgieonline

Attualmente sono pubblicati tutti i video del programma di Rai 3 “Storie in movimento” realizzato in convenzione proprio su iniziativa del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (CGIE) e in collaborazione col Ministero degli Affari Esteri.

“Insieme alla pagina Facebook, (raggiungibile al link: https://www.facebook.com/CGIE2011/ ) i numerosi follower, daranno la spinta decisiva al rinnovamento della strategia comunicativa del Cgie: fornire strumenti e informazioni accessibili in tempo reale e interagire con tutti i connazionali nel mondo, Comites, istituzioni, associazioni, enti e operatori dell’informazione – si legge in una nota -. Questi strumenti tecnologici permetteranno al CGIE di sfruttare le potenzialità dei social network per rispondere adeguatamente alla rappresentanza e alle sollecitazioni che arrivano dalle immense e lontane aree dove vivono gli italiani all’estero”.

More Like This