Attività
15:25pm10 giugno 2022 | mise à jour le: 10 giugno 2022 à 15:25pmReading time: 3 minutes

Il 15 giugno, onoriamo i nostri anziani

Il 15 giugno, onoriamo i nostri anziani
Photo: Foto iStockIl 15 giugno è una giornata di sensibilizzazione nei confronti degli abusi subiti dagli anziani

Conferenza al Centro Donne Solidali e Impegnate

“Fate un gesto di gentilezza verso una persona anziana e denunciate quando siete testimoni di abusi su di loro”.

Ogni anno, il 15 giugno, il mondo intero si riunisce per sottolineare la Giornata mondiale della lotta contro il maltrattamento delle persone anziane.

Lo scopo di questa Giornata è quello di sensibilizzare il pubblico a tale problema ed incoraggiare le persone ad adottare dei comportamenti più premurosi.

Spesso abbiamo visto persone anziane vittime di maltrattamenti, subire diversi abusi, questo periodo della pandemia ha accentuato una situazione diventata un flagello e sempre meno tabù. Inoltre, le persone denunciano sempre di più perché non possono più sopportare al giorno d’oggi tali comportamenti.

Il punto positivo in questa storia è che la pandemia ha permesso anche al pubblico di aprire gli occhi sui maltrattamenti fatti alle persone anziane, soprattutto sul loro stato mentale e fisico, sia all’interno che all’esterno delle famiglie. I nostri governi hanno affrontato il problema e soprattutto si sono chiesti come fare per  interrompere questo fenomeno di società diventato insopportabile ed inaccettabile.

Cosa fare? In effetti il buon trattamento delle persone anziane è precisamente questo: il rispetto, l’ascolto, l’empatia, la comprensione, la compassione, la dignità.

Secondo il rapporto allarmante dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, una persona anziana su 6 soffre di una forma di maltrattamento. Una persona su 2 pratica l’agismo. L’agismo è più diffuso che la discriminazione e il sessismo. A misura che la popolazione anziana aumenta, gli abusi toccheranno sempre più persone. Il numero delle vittime passerà dai 140 milioni di oggi a più di 320 milioni nel 2050.

La Salute Pubblica del Quebéc ed i diversi organismi, a titolo di esempio, come il nostro Centro Donne Solidali e Impegnate, organizza un’attività durante questa Giornata per mobilitare l’azione comunitaria ed  avviare una conversazione per promuovere il rispetto e la dignità delle persone anziane.

È il caso dell’avvocata Margherita Morsella, che mercoledì 15 giugno, dalle 10 alle 12, terrà una conferenza su tutte le problematiche inflitte agli anziani, e più particolarmente sull’agismo. Che cos’è e come combatterlo. L’avvocata Morsella sarà presente anche in qualità di “Membre du Comité Lutte à la Maltraitance”.

Avvocata al Tribunale del Québec dal 1987, Margherita Morsella esercita, in particolare, in diritto di famiglia. Per il suo incrollabile impegno a sostegno delle donne in situazioni di vulnerabilità, ha ricevuto il premio “Justice Pro-Bono Paris-Quebéc 2020”. Sarà inoltre intervistata in diretta, dalle 16:00 alle 17:00, mercoledì 8 giugno 2022 su  “Canal M. Vue et Voix”, nel corso della trasmissione “Les Faramineux” con Arlette Fara.

 Info-conferenza

Centro Donne Solidali e Impegnate, 1586 rue Fleury est, porta 100, Montréal.

Per prenotare un posto alla conferenza, contattare: Cynthia-Ann Sardou, tel. 514-388-0980.   info@cfse.ca

Avete bisogno di essere ascoltate? Capite? Bisogno di parlare e di agire? Siamo qui per voi! Contatta il nostro Centro senza esitazione al numero: 514 388 0980. https://cfse.ca/

 

 

More Like This