Attività
15:07pm15 novembre 2016 | mise à jour le: 15 novembre 2016 à 15:07pmReading time: 3 minutes

Commemorata la “Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate”

Organizzata dalla F.A.E.M.I., Federazione delle Associazioni Ex-Militari Italiani, in collaborazione con il Consolato Generale d’Italia a Montreal, si è svolta, il 6 novembre scorso, presso la chiesa Madonna della Difesa, nella Piccola Italia, la cerimonia relativa alla “Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate.

Presenti, per l’occasione, diverse autorità tra cui, il Console Generale d’Italia a Montreal, Marco Riccardo Rusconi; la deputata provinciale di Bourassa-Sauvé e Ministra responsabile dell’Accesso all’informazione e della Riforma delle istituzioni democratiche Rita De Santis; la Senatrice Marisa Ferretti Barth; la presidente del Comites Giovanna Giordano; il direttore dell’Istituto Italiano di Cultura Francesco D’Arelli; il Dottor Giuseppe Maiolo e diversi associati dell’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme; un rappresentante della GRC e delle diverse  associazioni d’Arma: carabinieri, bersaglieri, alpini, marinai, avieri.

Padre Pierangelo Paternieri, direttore dell’Ufficio Comunità culturali e rituali dell’Arcidiocesi di Montréal, e Padre Claudio Vanetti, parroco della Chiesa Madonna della Difesa, hanno celebrato una messa di suffragio per i militari caduti durante le guerre alla quale è seguita una cerimonia per deporre una corona d’alloro davanti al Monumento ai caduti nel corso della quale ha preso la parola il Console Rusconi per ricordare «i militari che hanno sacrificato la loro vita per permettere alle generazioni future di vivere in paesi dove regna la pace, la democrazia e il rispetto reciproco». Citando, inoltre, il discorso del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che sottolineava la presenza dei militari nei paesi in guerra, non per combattere ma per portare supporto e aiuto in diversi settori a quelle popolazioni così provate dai conflitti, il Console ha ricordato che «l’Italia è il paese che accoglie il maggior numero di profughi e che il campo d’azione delle Forze Armate è enorme, la Marina Militare e gli altri corpi militari salvano centinaia di uomini, donne e bambini che fuggono tutti i giorni dai luoghi di battaglia».

Dal canto suo, la presidente del Comites Giovanna Giordano ha così commentato la Giornata:

«Come è ormai consuetudine, da molti anni l’Associazione Ex-Militari onora con una solenne cerimonia i caduti, militari e civili, di tutte le guerre, un appuntamento al quale non manco mai perché lo considero importante e toccante. In questo giorno il mio pensiero è rivolto alle Forze Armate che da sempre rappresentano il nostro baluardo. Un doveroso ringraziamento va ai nostri soldati, uomini e donne, che hanno dato la loro vita a difesa della Patria e della Nazione. È solo grazie al loro sacrificio se oggi possiamo vivere in un Paese portatore di pace e libertà. L’auspicio è che iniziative come queste possano contribuire a mantenere vivo il filo della memoria, oltre a favorire la conoscenza della storia che ha vissuto l’Italia».