Attività
16:15pm26 agosto 2014 | mise à jour le: 26 agosto 2014 à 16:15pmReading time: 3 minutes

Piccoli cantanti crescono

Si chiama “empowering”, che in italiano potremmo, più che tradurre, definire “un processo di incremento della sitma di sé, della propria determinazione, per far emergere delle risorse nascoste ed appropriarsi consapevolmente del proprio potenziale”, ed è l’operazione che Alessandra Tropeano e Nadia Dolce, overo le due componenti del gruppo “Dolceamare”, hanno cercato di fare, con successo, durante la “Settimana Italiana”.

A parlarcene è proprio Alessandra, di professione insegnante di pattinaggio artistico, cantante per passione, ex membro della sezione giovani del CNIC.

«Quando Josie Verrillo, la direttrice del CNIC, ci ha chiamate per chiederci se volevamo esibirci alla S.I. come “Dolceamare” – spiega – abbiamo risposto sì, come negli altri anni. Ma stavolta volevamo fare qualcosa di più. Le abbiamo proposto di portare insieme a noi un gruppo di giovanissimi italo-canadesi. Abbiamo fatto delle audizioni e alla fine abbiamo preparato un gruppo di una decina di bambini tra i 6 e i 16 anni che hanno cantato, in italiano e anche ballato, insieme a noi l’8 e il 9 agosto al Centro commerciale “Le Boulevard”, l’11 a LaSalle e il 12 ai “Jardins d’Italie”.

È stata una specie di mini-tournée. Questi bambini all’inizio erano un po’ impauriti, poi, piano piano, hanno acquistato fiducia nei propri mezzi. Ma quello di cui io e Nadia siamo più fieri è che hanno imparato a cantare in italiano, li abbiamo portati un po’ “dentro” le loro radici culturali che hanno scoperto con gioia, spontaneità e allegria. Pensiamo che sia un modo come un altro per avvicinare questa giovanissima “relève” alla nostra cultura, un tentativo per aiutarli a crescere proprio attraverso la musica italiana, un modo semplice e diretto per trasmettere alle generazioni future il nostro patrimonio culturale, così come le generazioni precedenti hanno fatto con noi».   

Ecco, allora, chi sono, i protagonisti di questa specie di  “Italian-Canadian Idol” della Settimana Italiana: Alessia Pietraroia,10 anni; Oriana Lugo Berardo,12 anni; Marie-Angeles Boccardi, 10 anni; Gianna Scarapicchia, 13 anni; Maria-Angela Gentile, 8 anni; Tristan Sorrenti, 8 anni; Julian Sorrenti, 6 anni; Kelly-Marie Gervasi, 13 anni (ballerina); Sarah Johnson, 16 anni (ballerina) e Sheila Parkins dell’Academy of Dance & Music.

«Il pubblico – conclude Alessandra – ha apprezzato molto queste esibizioni. Abbiamo avuto molti commenti positivi e i bambini stessi hanno ricevuto tanti complimenti. Vedere dei giovanissimi cantare in italiano per noi è stata una grande soddisfazione e ci incoraggia a continuare su questa strada».

Un bravo ad Alessandra e Nadia per la loro iniziativa, e al CNIC per averla avallata. Non è mai troppo presto per conoscere le proprie radici culturali e non è mai troppo tardi per riscoprirle. In fondo, la Settimana Italiana serve proprio a questo!