Attività
16:24pm10 dicembre 2019 | mise à jour le: 10 dicembre 2019 à 16:24pm

Vic Vannelli, una vita da barbiere!

Vic Vannelli, una vita da barbiere!
Photo: Foto F. IntravaiaVic Vannelli (seduto) ed Achille Della Penta

Il 31 dicembre prossimo Saverio Vannelli, 88 anni, più conosciuto con il nome di “Vic”, darà i suoi ultimi colpi di forbice presso il Salone Roxy, sulla via Beaubien est, vicino Saint-Michel. Dopo ben 73 anni di onorata carriera ha deciso di andare definitivamente in pensione.

Nato a Montréal da genitori d’origine molisana, Vic ha iniziato a fare il barbiere all’età di 15 anni seguendo, insieme ai suoi quattro fratelli, le orme del padre. Uno dei suoi fratelli è il padre del celebre cantante e compositore Gino Vannelli.

«Mio padre aveva il Salone Roxy su Saint-Laurent e Viger – afferma Vic – poi ho aperto il mio primo “Roxy” su Jean-Talon e St-Denis, il secondo su Papineau, a nord di Mont-Royal, e il terzo è stato proprio questo della via Beaubien, aperto nel 1968, ben 51 anni fa».

«Vic ha lavorato nel Salone di Jean-Talon e St-Denis fino allo scorso anno poi – racconta il suo amico e collega di una vita Achille Della Penta – quel Salone ha dovuto chiudere e allora l’ho invitato a venire qui a lavorare e a passare un po’ di tempo insieme, e lui ha scelto di venire il martedi e il mercoledi, portandosi dietro la sua vasta clientela. Sempre meglio – aggiunge – che rimanere a casa senza fare niente! In fondo, per noi si tratta di un modo per rimanere attivi e per continuare ad incontrare la nostra clientela».

 

Achille e Vic si conoscono “da sempre”

«Ho lavorato – aggiunge Achille, nato a Campochiaro, in provincia di Campobasso – in tutti i Saloni che lui apriva finché poi mi sono fermato in questo della via Beaubien. La nostra è veramente una lunga storia d’amicizia».

Sono tante le personalità passate per le mani di Vic. «Il Salone della via Papineau – racconta – era proprio di fronte al teatro Gilles Latulippe, per cui avevamo tutta la clientela del teatro. Un altro nome famoso, oltre al celebre nipote Gino, è stato quello di Roger Doucet, la “voce” dell’inno nazionale canadese durante le partite di hockey dei Canadiens di Montréal. Anche gli artisti di Hollywood, di passaggio a Montréal, si fermavano nei nostri saloni».

Vic Vannelli e Achille Della Penta scherzano con uno dei loro clienti, il notaio Giuseppe Decobellis

«Eravamo i soli – afferma Achille – a fare il taglio solo con forbici e pettine, senza utilizzare alcun tipo di rasoio. Questo era il nostro segreto, lo chiamavamo <l’Hollywood haircut. Oggi non è più così, i tempi sono cambiati e ci siamo adeguati!»

«Il barbiere – aggiungono Vic e Achille – è un po’ come il confessore, conosce i “segreti” di tanta gente ma non li può riferire. Non solo ma è anche uno psicologo, un consigliere, qualcuno a cui ci si può confidare e di cui ci si può fidare». Grazie Vic, a nome di tutti i tuoi clienti, che in te hanno sempre trovato non solo un bravo professionista ma anche un amico con cui condividere i propri pensieri!