Attività

Serata memorabile con il Corpo Musicale dell’Ordine Figli d’Italia

Grande musica e grande spettacolo del Corpo Musicale dell’Ordine Figli d’Italia che ha “trasportato” il pubblico in uno stimolante viaggio sonoro intorno al mondo. Venerdì 22 maggio  scorso, il Corpo Musicale, un’orchestra di fiati composta da 40 musicisti professionisti (molti dei quali insegnano presso il Conservatorio di Musica o all’Università McGill) hanno dato vita al loro quarto concerto, intitolato “Musica del mondo”.

Chi ha avuto la fortuna di assistervi, alla Casa d’Italia, ha provato l’emozione di viaggiare attraverso la musica europea così come attraverso le dolci melodie hollywodiane del “Sound of Music”. Offrendo una selezione eclettica di composizioni classiche e popolari, il Direttore d’orchestra, Ron Di Lauro, vincitore l’anno scorso del prestigioso premio Oscar Peterson, ha tenuto un concerto perfetto, avventuroso, audace, brioso e, in alcune occasioni, anche inebriante. Il Direttore, il cui nonno suonò nella banda dell’Ordine Figli d’Italia negli anni ’30, ha dimostrato con il suo fascino e la sua abilità, che sta rapidamente diventando “l’ambasciatore culturale” degli Italo-Montrealesi. Introducendo ogni pezzo musicale con dei brevi aneddoti, è riuscito sia ad intrattenere che ad informare gli spettatori. Il suo assistente musicale, Antonio Barnabei, ha aggiunto intensità e fascino ai brani classici da lui diretti. Di Lauro ha poi detto che gli Italiani in Quebec «stanno facendo un buon lavoro per mantenere vive le tradizioni culturali».

Il successo del rilancio del Corpo Musicale dell’Ordine Figli d’Italia dimostra che i quebecchesi d’origine italiana hanno il desiderio di recuperare le proprie radici culturali. Inoltre, l’introduzione da parte del Corpo Musicale del programma di borse di studio per giovani musicisti d’origine italiana, simboleggia proprio questo collegamento con la madrepatria.

I vincitori delle borse di studio di quest’anno, selezionati  tra CEGEP, università ed avanzamento professionale, sono:

1° Premio: Daniel Di Cintio (bassista);

2° Premio: David Therrien-Brongo (percussionista)>;

3° Premio: Adam Passalaqua (batterista); 

4° Premio: Thomas Morelli-Bernard (trombettista).

Il Presidente dell’Ordine Figli d’Italia, Joe Fratino, fondamentale nell’ aiutare Ron Di Lauro nel rilancio del gruppo musicale, è sempre più determinato a promuovere la cultura italiana. Sostenitore di musicisti, artisti e scrittori italo-canadesi di seconda e terza generazione, ha intenzione di offrire loro una “vetrina”.

Nel prossimo novembre, infatti, l’OFI produrrà presso la Casa d’Italia “My Italian Wife”, una commedia di Mary Melfi, drammaturga montrealese che ha pubblicato più di una dozzina di libri di poesia e prosa, alcuni dei quali tradotti in italiano e francese.

                                                                    (Comunicato)