Attività

Il Fogolâr Furlan alla Settimana Italiana di Montréal

 Ogni anno, nella Settimana Italiana di Montréal, viene data preminenza ad una regione. Nel 2012, tramite il Fogolâr Furlan della metropoli quebecchese, si è fatto avanti il Friuli Venezia Giulia. Le celebrazioni hanno quindi rivestito un valore veramente particolare per questo sodalizio. La manifestazione è considerata la più importante nel suo genere in Nord America. Essa costituisce una celebrazione d’italianità, una vera e propria vetrina della cultura nazionale in questo paese ed offre un panorama d’insieme dell’Italia, valorizzando nel contempo le particolarità regionali che caratterizzano la nostra penisola. Grazie anche al sostegno della nostra casa madre, l’Ente Friuli nel Mondo, il Fogolâr Furlan di Montréal ha potuto allestire e gestire un chiosco proprio al centro della zona più frequentata. Decorato con striscioni, manifesti, bandiere e carte geografiche, lo stand ha costituito per tre giorni una vera e propria ambasciata di friulanità. I numerosi volontari che lo hanno presidiato sono stati in grado di fornire un grande numero d’informazioni geografiche, culturali, storiche e linguistiche sulla regione ai numerosi visitatori che vi si fermavano. Visitatori che diventavano schiere durante le degustazioni di prosciutto crudo di San Daniele e di formaggio Montasio. Nelle pochissime ore di distribuzione al pubblico nell’arco dei tre giorni, cinque prosciutti e venti chili di formaggio sono stati ottimi portavoce della nostra terra.

Tra i visitatori anche diversi friulani di seconda e terza generazione che, pur non frequentando la nostra associazione, hanno ritrovato con il chiosco interesse per le proprie origini culturali e per le attività svolte dal sodalizio montrealese. Tra i visitatori anche il sindaco di Montréal, che non ha lesinato i complimenti dopo aver assaggiato i due prodotti tipici della gastronomia regionale.

Il materiale divulgativo inviato dalla Regione è letteralmente evaporato e molto interesse ha destato anche il video sul Friuli Venezia Giulia creato dall’Agenzia turistica regionale e proiettato di continuo su un grande schermo. Anche la mostra di pittori di origine friulana è stata ben accolta. Ospitata per tutta la settimana negli appositi locali della restaurata “Casa d’Italia”, l’esposizione ha ricevuto centinaia di visitatori.

Naturalmente al successo dell’iniziativa del Fogolâr di Montréal ha grandemente contribuito il Gruppo folcloristico “I Danzerini di Lucinico”, che sono venuti in tournée dal Friuli. Durante la prima parte della settimana i ballerini si sono esibiti nelle diverse aree della città in cui si articolava la manifestazione e durante il fine settimana  hanno tenuto ben due spettacoli al giorno sui palcoscenici della Piccola Italia, oltre a qualche inaspettata ma graditissima improvvisazione musicale davanti al chiosco, che naturalmente attirava visitatori supplementari. Particolarità interessante, e che ha favorevolmente impressionato il pubblico, gli eclettici danzerini hanno magistralmente eseguito anche diverse danze folcloristiche tipiche di altre regioni italiane. Durante il loro soggiorno sono stati anche accolti in Municipio dal sindaco della città e al Consolato d’Italia.

Non si può infine dimenticare la verve di Giovanni Miani, altro valido ambasciatore della nostra musica, che ha saputo conquistare il folto pubblico presente agli spettacoli offerti dal cantante friulano durente il fine settimana. Tuttavia, e senza falsa modestia, il merito principale del successo riscosso dall’inizitiva va ascritto ai numerosi e dediti volontari di ogni età che si sono fatti avanti con il Fogolâr per offrire il loro aiuto e contribuire all’immagine di alto livello del Friuli che il sodalizio intendeva proporre. A tutti loro un grandissimo grazis di cûr. (Comunicato a cura di Ugo Mandrile)

 

Commenti 0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *