Arte e spettacolo
15:42pm6 ottobre 2020 | mise à jour le: 6 ottobre 2020 à 15:47pmReading time: 4 minutes

Spezzare l’isolamento per fare la differenza

Spezzare l’isolamento per fare la differenza
Photo: Foto cortesia RQPCMarco Calliari in compagnia di alcuni "figliocci"

Intervista a Marco Calliari, portavoce del “Regroupement Qu-b-cois du Parrainage Civique”

Il 25 settembre scorso, il Regroupement québécois du parrainage civique (RQPC), ha celebrato la “Giornata quebecchese della sponsorizzazione civica”, iniziativa il cui obiettivo è quello di spezzare l’isolamento sociale delle persone che presentano un handicap fisico e/o mentale.

Portavoce del RQPC è il noto cantautore italo-quebecchese Marco Calliari che, per l’occasione, ha avuto il “compito” di comporre un inno dedicato proprio al patrocinio e alla sua importanza nel contesto della nostra società. Al cantante abbiamo chiesto di illustrare gli obiettivi e i programmi del Regroupement.

 

Come è nata questa tua associazione con il RQPC?

«È nata 5 anni fa quando la direttrice di uno dei vari organismi di patrocinio o sponsorizzazione sparsi nel Québec, che fanno parte del RQPC, mi ha chiesto di diventarne il portavoce. Veniva sempre ai miei concerti, era diventata una mia fan. Si è resa conto che spesso e volentieri mi piace coinvolgere il pubblico nei miei spettacoli, in particolare, le persone che hanno un handicap. Lo faccio normalmente, senza forzature, perché questo è il mio carattere e il mio modo di fare. Ho sempre cercato di rendere i miei spettacoli inclusivi. “La tua musica – mi ha detto Julie – è coinvolgente, porti ottimismo e allegria che poi distribuisci a tutti”. Dunque, mi sono detto: perché no? Così sono diventato il loro portavoce».

 

Come funziona il patrocinio?

«In pratica – spiega Marco – gli organismi di sponsorizzazione civica chiedono a tutte le persone di buona volontà di condividere e di passare un po’ del loro tempo libero, si tratta di qualche ora al mese, insieme ai cosiddetti “filleuls” (figliocci/e), ovvero a quelle persone, iscritte al Regroupement, che presentano degli handicap fisici o mentali e che, proprio a causa della loro condizione “diversa”, vivono una sorta di isolamento o hanno delle difficoltà a livello di inserzione sociale.

Si tratta – continua – di fare una specie di “gemellaggio” per offrire loro un po’ di amicizia, di sostegno sociale, per condividere o fare insieme delle attività, proprio per regalare ai “filleuls” un momento di serenità e per sviluppare in loro un senso di autostima. In questo momento, anche se siamo in periodo di pandemia e che le attività sono più virtuali che in persona, il RQPC ha più di 800 gemellaggi attivi ma ci sono ancora oltre 600 “figliocci” che aspettano di trovare un padrino o una madrina. Anch’io ho dato il mio nome per diventare un padrino e sto aspettando, devo dire con impazienza, che uno dei “Raggruppamenti” di Montréal mi assegni un “filleul”».

 

Come è andata la “Giornata della sponsorizzazione?”

«Quest’anno il tema è stato: “Journée P – Partage, Parrainage”, dunque condivisione e patrocinio. Cosa c’è di meglio allora che condividere una canzone? Gli organizzatori hanno invitato la popolazione a partecipare alla scrittura collettiva di una canzone, ognuno scrive una frase o quello che vuole. Il mio compito sarà di raccogliere tutte queste frasi e di trasformarle in una canzone, in un inno che rappresenterà l’organismo.

Fin dal primo anno in cui sono diventato portavoce – aggiunge il cantautore – abbiamo sempre portato a termine un progetto di questo tipo in collaborazione con i “filleuls” e sono nate delle canzoni e dei videoclip davvero molto significativi, un bell’esempio di collaborazione, di solidarietà, di fraternità. Credetimi – conclude Marco Calliari – questi gemellaggi fanno bene non solo alla salute mentale delle persone handicappate ma anche alla vostra. Per questo invito tutti coloro che hanno un po’ di tempo libero a diventare padrini o madrine. È importante ridare alla società e questo è un modo davvero speciale per farlo».

 

Info-RQPC

Per partecipare al progetto di scrittura collettiva della canzone andare sul sito:  https://padlet.com/ParrainageCivique/cd8h6c784nl6yy40

Per trovare l’organismo più vicino che fa la promozione della sponsorizzazione civica o per vedere quanto è stato realizzato negli anni precedenti visitare il sito: www.parrainmarraine.com

Per ulteriori informazioni: 1-877-727-7246.