Rubriche
18:11pm10 agosto 2021 | mise à jour le: 10 agosto 2021 à 18:11pmReading time: 4 minutes

Che assistenza sanitaria si riceve in Italia come italiano/a residente all’estero?

Che assistenza sanitaria si riceve in Italia come italiano/a residente all’estero?
Photo: Foto 123RF.COMConsultazione medica

Quando si emigra, trasferendo la propria residenza all’estero e ci si iscrive all’AIRE, si perde il diritto all’assistenza da parte del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) italiano.

 

In questa materia la funzione svolta dal Consolato Generale è meramente informativa. La competenza è infatti in capo alle Autorità sanitarie italiane, in particolare al Ministero della Salute ( https://www.salute.gov.it/ ) e al SSN.

 

Cosa succede al diritto all’assistenza sanitaria italiana quando si emigra all’estero?

Il/La cittadino/a italiano/a che trasferisce (o ha trasferito/a) la propria residenza all’estero ed è iscritto/a all’AIRE in uno Stato con il quale non è in vigore alcuna specifica convenzione in questa materia con l’Italia, perde il diritto all’assistenza sanitaria a carico del SSN sia in Italia che all’estero all’atto della cancellazione dall’anagrafe comunale e della conseguente iscrizione, da parte del proprio Comune, all’AIRE (Anagrafe Italiani/e Residenti all’Estero). Deve quindi provvedere autonomamente, secondo le modalità previste dal Paese di residenza – come qui il Canada – eventualmente anche stipulando una polizza assicurativa.

 

Cosa si deve fare se si ha bisogno di prestazioni sanitarie quando si torna in Italia per un breve periodo?

Come cittadino/a residente all’estero, iscritto/a all’AIRE, quando si rientra temporaneamente in Italia, si devono corrispondere le tariffe regionali in vigore per tutte le prestazioni sanitarie, comprese le urgenze, come ricordato dall’art. 2, comma 1 del Decreto Sanità/Tesoro del 01.02.1996.

 

Esistono dei casi in cui si ha diritto alla copertura sanitaria da parte del SSN mentre ci si trova temporaneamente in Italia?

Solo limitatamente a prestazioni ospedaliere urgenti erogate dal SSN, quando vengono rispettate contemporaneamente le seguenti quattro condizioni:

1) si è cittadino/a italiano/a;

2) si ha status di “emigrato/a” all’estero (ossia nato/a in Italia, da dove si è successivamente emigrato) oppure si è titolare di pensione corrisposta da enti previdenziali italiani;

3) si è residente all’estero, iscritto/a all’AIRE.

4) non si ha alcuna copertura assicurativa pubblica o privata.

Se si verificano queste quattro condizioni e si rientra temporaneamente in Italia, in caso di bisogno, si ha diritto a ricevere prestazioni ospedaliere urgenti, a titolo gratuito, per un periodo massimo di novanta (90) giorni nell’anno solare (art. art. 2, comma 2 del Decreto Ministeriale Sanità/Tesoro del 1° febbraio 1996 e art. 19 della Legge n. 833/1978).

 

Se ci si trova in tale condizione, cosa si deve fare per poter ottenere le prestazioni ospedaliere urgenti?

Si deve presentare una dichiarazione sostitutiva di certificazione in cui si dichiara: 1) il proprio status di emigrato/a (ossia di cittadino/a italiano/a, nato/a in Italia, residente all’estero) attestato da: data e luogo di nascita in Italia, cittadinanza italiana e residenza all’estero, oppure il proprio status di titolare di una pensione erogata da un ente previdenziale italiano e 2) che non si è in possesso di una copertura assicurativa pubblica o privata.

 

Si può chiedere o fare la dichiarazione in Consolato Generale?

Non occorre. È sufficiente predisporre autonomamente la citata autodichiarazione (dichiarazione sostitutiva di certificazione) che contenga i due elementi appena indicati.

 

Il Consolato Generale suggerisce qualche ulteriore consiglio?

Oltre ai citati riferimenti normativi, può essere utile consultare le pertinenti sezioni dei siti istituzionali italiani rilevanti:

1) Ministero della Salute: https://www.salute.gov.it/  → home → sotto “Temi e professioni” → Indice A-Z → lettera A → Assistenza sanitaria Paesi extra UE → Assistenza italiani nei Paesi extra UE → Cittadini italiani residenti all’estero https://www.salute.gov.it/portale/assistenzaSanitaria/dettaglioContenutiAssistenzaSanitaria.jsp?lingua=italiano&id=958&area=Assistenza%20sanitaria&menu=italiani#:~:text=I%20cittadini%20italiani%20che%20trasferiscono,e%20della%20iscrizione%20all’AIRE

2) MAECI: https://www.esteri.it/  → home → Servizi e Opportunità → Italiani nel Mondo → Assistenza ai cittadini all’estero → Assistenza sanitaria https://www.esteri.it/mae/it/servizi/italiani-all-estero/assistenzacittadiniestero/assistenza_sanitaria.html

3) Consolato Generale d’Italia a Montréal: https://consmontreal.esteri.it/consolato_montreal/it  → home → passaporti e servizi → Assistenza consolare → Assistenza sanitaria https://consmontreal.esteri.it/consolato_montreal/it/i_servizi/per_i_cittadini/assistenza/sanitaria.html.

Vi aspetto, insieme alla mia Squadra, al prossimo approfondimento.

La vostra Console Generale,

Silvia Costantini

 

 

More Like This