Rubriche
17:13pm16 agosto 2022 | mise à jour le: 16 agosto 2022 à 17:13pmReading time: 4 minutes

Come si esercita il diritto di voto se si risiede all’estero?

Come si esercita il diritto di voto se si risiede all’estero?
Photo: Foto iStockI cittadini italiani - residenti all’estero iscritti nelle liste elettorali della Circoscrizione estero votano per posta, ricevendo il plico elettorale al proprio indirizzo di residenza.

La Console Generale d’Italia risponde

 

In base alla Legge 27 dicembre 2001, n. 459, i cittadini italiani – uomini e donne – residenti all’estero iscritti nelle liste elettorali della Circoscrizione estero votano per posta, nei Paesi le cui condizioni lo permettano (come qui in Canada), ricevendo il plico elettorale al proprio indirizzo di residenza.

Per essere sicuri di ricevere il plico elettorale occorre sincerarsi che il proprio indirizzo postale sia corretto e aggiornato. Una volta iscritti all’AIRE, i cittadini sono tenuti a mantenere aggiornata la propria posizione anagrafica: a comunicare, cioè, tempestivamente qualsiasi modifica della propria residenza all’estero. Il mancato aggiornamento delle informazioni relative all’indirizzo rende infatti impossibile il contatto con il/la cittadino/a e il ricevimento del plico elettorale in caso di votazione.

Come faccio a comunicare il cambio di indirizzo?

Attraverso il Portale Fast It: (Farnesina Servizi Telematici per Italiani/e all’estero). Ideato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, questo applicativo informatico permette al/la cittadino/a residente fuori dai confini nazionali di ottenere alcuni servizi consolari – e varie informazioni – comodamente da casa, tramite computer, senza doversi recarsi in Consolato Generale.

Come accedo a Fast It?

Tramite il link: https://serviziconsolarionline.esteri.it/ScoFE/index.sco, reperibile sulla pagina iniziale del sito web istituzionale del Consolato Generale d’Italia a Montreal.

Come provvedo a cambiare il mio indirizzo di residenza, una volta entrato in Fast It?

Occorre cliccare su → Anagrafe consolare/AIRE/Elettorale, quindi su → Comunicare la variazione della propria residenza e infine → Vai al servizio.

Per portare a termine la procedura verranno richiesti:

  1. un documento d’identitàin corso di validità, oltre a quello degli/lle eventuali familiari conviventi
  2. la documentazione comprovante la residenza nella circoscrizione consolare(patente di guida, bollette di utenze residenziali, ecc.) del Consolato Generale d’Italia a Montréal, ossia nelle Province di Terranova e Labrador, Nuovo Brunswick, Nuova Scozia, Québec (ad eccezione della regione dell’Outaouais, che ricade nella circoscrizione dell’Ambasciata d’Italia a Ottawa), l’Isola del Principe Edoardo, nonché il Territorio autonomo di Nunavut.

Posso votare all’estero se mi trovo qui temporaneamente e non posso votare in Italia?

Gli elettori italiani – uomini e donne – che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento delle elezioni politiche del 25 settembre 2022, nonché i familiari con loro conviventi, possono esercitare il diritto di voto per corrispondenza (art. 4-bis, comma 1, legge 27 dicembre 2001, n. 459), ricevendo il plico elettorale contenente le schede per il voto all’indirizzo di temporanea dimora all’estero.

Come posso votare per corrispondenza se mi trovo temporaneamente all’estero?

L’elettore deve far pervenire AL COMUNE d’iscrizione nelle liste elettorali un’apposita opzione entro mercoledì 24 agosto 2022. Mancano quindi solo pochi giorni per farlo. Invito ogni interessato/a a provvedere subito.

L’opzione (esercitabile tramite un modulo o in carta libera) deve essere inviata al suddetto Comune per posta, telefax, posta elettronica anche non certificata, oppure fatta pervenire a mano, sempre al Comune in parola, anche da persona diversa dall’interessato.

L’opzione, obbligatoriamente corredata di copia di documento d’identità valido dell’elettore, deve contenere l’indirizzo postale estero completo cui va inviato il plico elettorale,  l’indicazione dell’Ufficio consolare competente per territorio e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per l’ammissione al voto per corrispondenza (ossia di trovarsi – per motivi di lavoro, studio o cure mediche – per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento delle consultazioni in un Paese estero in cui non si è anagraficamente residenti, oppure che si è familiare convivente di un cittadino che si trova nelle predette condizioni).

L’opzione va resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000, n. 445 (testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa), dichiarandosi consapevoli delle conseguenze penali in caso di dichiarazioni mendaci (art. 76 del citato DPR 445/2000).

L’opzione presentata può essere revocata secondo le modalità di presentazione della stessa descritte sopra, entro lo stesso termine (24 agosto 2022).

Ricordo infine che l’opzione è valida esclusivamente per la consultazione elettorale cui si riferisce (ossia le elezioni politiche del 25 settembre 2022).

Dove trovo il modulo di richiesta per l’opzione di voto all’estero?

Sul sito istituzionale del Consolato Generale → ELEZIONI POLITICHE 2022 → ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL’ESTERO → Modulo richiesta OPZIONE voto all’estero (scadenza 24 agosto 2022), indicato tra i documenti scaricabili, in fondo alla pagina, ossia dal link:

Click to access 15.1_modelloopzionevoto_politiche_20220925_accessibile.pdf

Vi aspetto al prossimo approfondimento.

La vostra Console Generale,

Silvia Costantini

 

 

More Like This