Rubriche

Morire senza testamento: una “pessima” idea

"L’Angolo Legale", dell’Avvocato Jonathan Éthier

Avvocato Jonathan Éthier

Concetta ha sempre odiato suo marito Pino. Sebbene della loro unione siano nati due incantevoli bambini, la coppia non ha mai smesso di litigare durante il loro matrimonio. Concetta voleva chiedere il divorzio che però non era visto di buon occhio dalla sua famiglia, ben radicata nella tradizione. Alla fine, ha preferito sopportare la desolazione quotidiana in casa. Poi un giorno, il destino l’ha colpita in modo particolarmente severo: durante un viaggio in Toscana con il suo amante segreto Tony, la Torre di Pisa si è sgretolata su Concetta. È morta sul colpo senza aver fatto un testamento. Cosa accadrà al capannone che suo padre le aveva regalato? O al gruzzolo personale di 90 000$ conservato in banca? Se solo avesse fatto un testamento!

Quando una persona muore senza aver registrato le sue ultime volontà in un testamento, il codice civile sceglie al suo posto cosa fare dei suoi beni. Questo è il concetto della successione “ab intestat”. Per esempio, come regola generale, se al momento del decesso siete sposati e avete dei bambini, il coniuge erediterà un terzo della successione mentre i figli gli altri due terzi. Così, nel nostro esempio, la famiglia di Concetta si dividerebbe la somma in banca in questo modo: 30 000$ al marito, 60 000$ ai figli e niente per l’amante. Una ricetta perfetta per un litigio costoso davanti al tribunale!

Si possono prevedere diversi scenari. Nel nostro esempio, se Concetta non avesse avuto figli (o nipoti) pur essendo sposata con Pino, la legge prevede la seguente condivisione dei suoi beni alla sua morte: due terzi al marito e un terzo ai genitori. Per le coppie non sposate con figli, alla morte di qualunque coniuge, e senza testamento, i figli in vita al momento del decesso ereditano la totalità. Ciò significa quindi che un testamento diventa essenziale per assicurarsi che il coniuge sopravvissuto erediti qualcosa in tali circostanze. Inoltre, se non avete nessun parente suscettibile di editare o se tutti i vostri discendenti rinunciano alla vostra successione, lo Stato otterrà tutti i vostri beni situati in Québec.

Un testamento garantisce il rispetto delle vostre volontà. In modo generico, per fare un testamento, una persona deve avere almeno 18 anni e possedere tutte le sue facoltà intellettuali.

Avvocato Jonathan Éthier, LL.B., B.Mus., LL.M. Fisc.

More Like This