In primo piano
14:53pm26 gennaio 2021 | mise à jour le: 26 gennaio 2021 à 15:03pmReading time: 4 minutes

Muraflex, stile italiano fabbricazione canadese

Muraflex, stile italiano fabbricazione canadese
Photo: Foto cortesiaFernando Petreccia discute con alcuni clienti

A colloquio con Fernando Petreccia presidente dell’azienda montrealese

Fondata nel 2009, dopo la crisi finanziaria del 2008, la Muraflex, compagnia specializzata nella progettazione, fabbricazione ed installazione di strutture, pareti e pannelli divisori in vetro o in altri materiali per gli uffici, ha saputo ritagliarsi uno spazio importante all’interno del mercato nordamericano.

Alla guida dell’azienda, che oggi conta 200 impiegati, troviamo i fratelli Petreccia, Fernando, in qualità di presidente e Marcello, in quella di vicepresidente esecutivo.

«La nostra idea – spiega Fernando – è stata ed è quella di progettare e proporre delle strutture facilmente adattabili e polivalenti, montabili e smontabili, che possano migliorare gli spazi di lavoro negli uffici. In altre parole volevamo cercare di cambiare lo “sguardo” interno di un ambiente di lavoro. Al posto di tirare su dei muri di cartongesso e delle porte di legno, che in genere sono di colore scuro e che riducono il senso dello spazio, proponiamo di installare dei pannelli di vetro per far entrare più luce possibile e per rendere gli spazi di lavoro più gradevoli.

Marcello e Fernando Petreccia

Per fare questo siamo ricorsi ad un design dallo stile più europeo, più italiano, più raffinato, al punto che abbiamo una nostra piccola filiale in Italia che ci aiuta nella preparazione dei diversi modelli da proporre ai clienti. Abbiamo messo a punto ben 9 stili differenti di pareti per ufficio, quelle che noi chiamiamo “le famiglie”, la famiglia Fino, Mimo, Quadro, Expo, dai nomi chiaramente italiani, ognuna con un suo look particolare. Tutte strutture flessibili che possono facilmente adattarsi alle differenti esigenze dei clienti. Le fabbrichiamo noi stessi nei nostri locali della via Notre-Dame. Fra l’altro, tra poco ci trasferiremo, sempre qui vicino, per occupare degli spazi un po’ più grandi. Quindi possiamo dire che la “testa”, l’idea è in Italia mentre il “corpo”, la sostanza è a Montréal».

 

Chi sono i vostri clienti?

«Soprattutto uffici corporativi. L’80-90% dei nostri clienti – spiega Fernando, nato a Montréal da genitori originari di Cassino (Frosinone) – sono i grandi studi di avvocati, le compagnie assicurative, quelle farmaceutiche. Più del 90% di quello che facciamo è esportato negli Stati Uniti, il resto è per il Canada».

 

Come sono fatti i vostri divisori?

«Soprattutto in vetro e soprattutto sono installati dalla parte dell’entrata. Facciamo anche dei muri o dei pannelli divisori in legno, in lamiera o in altri materiali, tutto su misura, dalla progettazione all’installazione, al servizio post-vendita. Naturalmente tutto dipende dalle esigenze del cliente. Faccio un esempio: a parte il pannello in vetro, l’ambiente deve essere fonoassorbente? La porta deve essere scorrevole? Lo spazio deve essere diviso in due parti? E così via, ci adattiamo a tutte le esigenze».

“Quadro”, una delle soluzioni per spazi adibiti ad uffici proposte dalla Muraflex

 

La pandemia vi ha creato problemi?

«Al contrario», risponde il presidente. «Abbastanza velocemente, sfruttando la nostra fabbrica che già possiede materiali come il plexiglass, il vetro, l’alluminio, abbiamo creato una piccola compagnia, la Murecare, legata alla Muraflex, per produrre pannelli e divisori isolanti, in vetro o plexiglass, da mettere in tutti quei luoghi frequentati dal pubblico come i sipermercati, le banche, i negozi che possono rimanere aperti perché considerati essenziali. Lo abbiamo fatto per aiutare la comunità in un momento particolarmente difficile perché in realtà facciamo pochissimo profitto con questi prodotti».

 

Ma gli uffici si sono svuotati …

«Si è vero. Ma in questo momento – spiega – la tendenza è di pensare al ritorno degli impiegati negli uffici. Gli studi dicono che molti continueranno a lavorare da casa ma il 75% dei lavoratori tornerà negli uffici e avrà bisogno di spazi ripensati, magari con l’installazione di pannelli o  divisori che fungono da barriere per i microbi. Quindi non siamo stati troppo colpiti da questo problema».

 

Premi e riconoscimenti

La Muraflex ha vinto per tre anni di seguito il premio “ESTim” della Camera di commercio dell’Est di Montréal per la categoria “Esportazioni” e il Premio Venezia della Camera di commercio italiana in Canada nel 2018 per la categoria “Industriale-Design”

 

 

 

Commenti 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *