Prima Settimana della Cucina Italiana nel Mondo

Sette giorni dedicati alla tradizione gastronomica italiana. Concorso fotografico: l'italiano in tavola

Pubblicato il 15 novembre 2016
Per la prima volta l'agroalimentare italiano ha un segno unico, "The extraordinary Italian taste", utilizzato per il coordinamento di tutte le iniziative di promozione e comunicazione a livello internazionale e per contrastare con maggiore forza il fenomeno dell'italian sounding.

Dal 21 al 27 novembre 2016 l'Istituto Italiano di Cultura di Montréal presenterà la "Prima Settimana della Cucina Italiana nel Mondo", promossa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e dal Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Il progetto di una settimana di eventi dedicati all'eccellenza culinaria italiana nasce in seno ad un protocollo d'intesa per la valorizzazione all'estero della cucina italiana di qualità, sottoscritto tra MAECI, MIPAAF e MIUR nel marzo 2016.

Si tratta di un appuntamento che si ripeterà annualmente e che in questa sua prima edizione a Montréal prevede un calendario ricco di eventi curiosi.

Si inizia con la presentazione del libro "Avec Amour, Nonna" di Mathew Foulidis e Matteo Agostinelli, che si terrà all'Istituto Italiano di Cultura lunedì 21 novembre alle ore 18. Il libro raccoglie le ricette tradizionali delle nonne italiane: antipasti, ricette di pesce, carne, pasta, pizza e dolci tipici, tutto accompagnato da fotografie, brevi curiosità e suggerimenti.

Martedì 22 novembre si terrà invece la conferenza di Marco Piana dal titolo "Banchetto e Simposio: il cibo come dialogo nella cultura italiana", seguito dalla proiezione del documentario "Seasons" del regista italiano Roberto Zorfini. L'evento, organizzato con la Società Dante Alighieri di Québec, si terrà al Padiglione Charles-De Koninck, presso l'Université Laval a Québec e avrà inizio alle ore 19.

Il giorno seguente alle ore 18, presso l'Istituto Italiano di Cultura, il bioarcheologo italiano Matteo Delle Donne parlerà delle origini della dieta mediterranea. Ricercatore all'Università di Napoli "L'Orientale", Delle Donne è coinvolto in progetti riguardanti le interazioni uomo-ambiente e la produzione di cibo durante la protostoria, in Italia, Iran ed Egitto.

Gli appuntamenti continueranno con la proiezione del documentario Theater of Life, realizzato da Peter Svatek, sull'esperienza del Refettorio Ambrosiano dello chef italiano Massimo Bottura. Il documentario, introdotto da Marco Piana (Università McGill), verrà proiettato giovedì 24 novembre presso il Centre Phi e sarà preceduto dalla conferenza di Matteo Delle Donne  "L'origine della dieta mediterranea in Italia: il periodo greco e romano" alle ore 18.30.

Per concludere con gusto la "Prima Settimana della Cucina Italiana nel Mondo", venerdì 25 novembre l'Ambasciata d'Italia a Ottawa e l'Istituto Italiano di Cultura, in collaborazione con la Camera di Commercio Italiana in Canada, propongono a Gatineau (Casino du Lac-Leamy) una serata di degustazione di pietanze e prodotti tipici italiani riservata a un ristretto gruppo di invitati e alla presenza dell'Ambasciatore d'Italia in Canada, Gian Lorenzo Cornado.

Maggiori informazioni sugli eventi si possono trovare nel sito dell'Istituto www.iicmontreal.esteri.it nel quale è anche possibile prenotarsi per partecipare agli eventi proposti.

Federica D'Antoni

L’italiano in tavola: un "challenge" fotografico

Condividere la propria “tavola italiana”, in qualunque parte del mondo ci si trovi: il contest è stato lanciato dal Consorzio ICoN – una rete di 18 università che opera in convenzione con il ministero degli Affari esteri.

Italiano lingua viva… anche a tavola! Per festeggiare la prima Settimana della cucina italiana nel mondo (21-17 novembre), il Consorzio ICoN – una rete di 18 università che opera in convenzione con il ministero degli Affari esteri, lancia un challenge fotografico diretto ai suoi studenti e membri della sua community, e a chiunque ami la cultura italiana all’estero.

Lo scopo è quello di condividere la propria “tavola italiana”, in qualunque parte del mondo ci si trovi. Chiunque voglia partecipare può scattare, rielaborare la propria foto e condividerla: basta avere un account Instagram (o, in alternativa, Facebook) e utilizzare gli hashtag legati all’evento #ICoNdimenti e #ICoNmondo.

Il ruolo del Consorzio sarà quello di riunire tutti questi contributi e ricondividerli tramite i propri profili social, oltre che sul proprio sito.

Partecipare è facile e divertente, e permette a chiunque voglia di realizzare in maniera collaborativa questo quadro di “Italia fuori dall’Italia”, in uno dei suoi aspetti più caratterizzanti e amati all’estero. Il regolamento completo si trova sul profilo Instagram del Consorzio: il challenge è libero e gratuito e si svolge fino al 27 novembre.

COME PARTECIPARE - Partecipare è molto semplice: pubblicare una o più foto della “tavola italiana” - piatti tipici, una tavola imbandita, un pranzo o una cena -, insomma tutto quello che significa “stare insieme” a tavola, così tipico della cultura italiana. Le foto possono essere scattate ovunque: a casa o al ristorante, per strada, in spiaggia… l’importante è che siano state scattate fuori dall’Italia. Le foto possono rappresentare soggetti animati o inanimati, contenere scritte o disegni (massima libertà di espressione).

Inserire nella didascalia o nel commento gli hashtag #ICoNdimenti e #ICoNmondo, e se si vuole #italiantaste, l’hashtag ufficiale della Settimana della Cucina Italiana nel mondo. Con questa sua prima challenge, il Consorzio ICoN inaugura l’hashtag #ICoNmondo, che si può seguire e utilizzare per restare aggiornati su tutte le novità e gli eventi ICoN su social network.

(Comunicato)