Calcio
22:08pm8 gennaio 2021 | mise à jour le: 8 gennaio 2021 à 22:08pmReading time: 3 minutes

Emozioni e gol, la maglia azzurra ha compiuto 110 anni

Il 6 gennaio 1911 la prima volta, è il simbolo dell’Italia nel mondo

Ansa – Ha avuto mille fogge, lo scudetto sabaudo e poi quello tricolore sul petto: ma il colore, quello è rimasto lo stesso per oltre un secolo di gol ed emozioni.

La maglia azzurra ha compiuto il 6 gennaio scorso 110 anni, con lode, perché rappresenta una storia di gloria sportiva, vero simbolo di identificazione nazionale.

Gli “Azzurri” 

E in effetti quando in campo scendono Giuseppe Milano, primo capitano con quel colore Savoia, o Peppino Meazza, Gigi Riva, Fabio Cannavaro, Pablito Rossi, Roberto Baggio, persino contraddizioni calcistiche viventi come Cassano e Balotelli, ecco pare aprirsi davvero uno sprazzo di cielo.

La prima volta fu il 6 gennaio 1911 a Milano, un Italia-Ungheria all’Arena. La nazionale di calcio aveva già disputato due partite ma di bianco vestita. Quel colore lo portavano anche i magiari, così l’Italia scelse l’azzurro caro a Casa Savoia. E non lo lasciò più. Solo quattro volte l’Italia ha tradito del tutto il suo colore, per un nero indossato a Francia ’38 e mai più ripetuto, e per il verde dell’amichevole del 1954 contro l’Argentina e poi riproposto, in chiave ‘rinascimentale’, il 12 ottobre dell’anno scorso per la sfida delle qualificazioni europee a Roma contro la Grecia. Poi, anche quando gli avversari costringevano a ripiegare sulla seconda maglia – bianca – uno sprazzo d’azzurro c’era sempre.

Gli Azzurri campioni del mondo in Spagna nel 1982

Come la striscia sul petto usata dagli eroi di Mexico ’70, o il calzettone in tinta di tante battaglie sportive. Quell’azzurro l’hanno vestito campioni di quattro Mondiali vinti, in Italia la prima volta nel ’34 e subito dopo in Francia, con la doppietta del ct Vittorio Pozzo, e ancora i ragazzi di Bearzot a Spagna ’82 e quelli di Lippi per Germania 2006.

Cannavaro, 136 presenze

Ma anche capitan Facchetti nell’unico Europeo vinto, il ’68, e poi Rivera, Mazzola, Burgnich e gli altri nella mitica semifinale dell’Atzeca, Italia-Germania 4-3, o nella finale persa col Brasile. E ancora Roberto Baggio nell’altra finale sfuggita ai rigori a Pasadena, Usa ’94. Centotrentasei volte l’ha indossata Fabio Cannavaro, capitano della notte di Berlino, l’azzurro con più presenze. La porta ancora idealmente, e con orgoglio, Gigi Riva, capocannoniere di tutti i tempi con 35 gol che confessa di sentirsela addosso ancora oggi.

Lo sponsor

Una galleria di ricordi ed emozioni, che né i rovesci sportivi né la modernità’ hanno intaccato. L’Italia è stata l’ultima, tra le grandi nazionali, a cedere alle lusinghe degli sponsor.

La nuova divisa degli azzurri della Nazionale per i prossimi campionati europei di calcio ispirato alla cultura del rinascimento,

Quando a Francia ’98 Coni e Federcalcio accettarono di stampare il logo della ditta che di volta in volta forniva le nuove divise, fu quasi una sollevazione nazionale.

”E’ come un tricolore, non si puo’ commercializzare”, disse un ex ct, Azeglio Vicini. E’ andata così, e i nuovi tempi non hanno sottratto nulla al fascino: dal calcio fino a tutti gli altri sport, ‘Azzurri’ ha continuato a indicare tutti gli italiani dello sport nel mondo, e perfino qualcosa di più.

 

 

More Like This