Calcio
15:42pm19 gennaio 2021 | mise à jour le: 19 gennaio 2021 à 15:42pmReading time: 3 minutes

L’Impact cambia nome e diventa CF Montréal

L’Impact cambia nome e diventa CF Montréal
Photo: Foto cortesia CF MtlJustin Kingsley e il presidente Kevin Gilmore

Nuova identità, nuovo logo e nuovo slogan per la squadra di calcio montrealese

Avviso ai tifosi: dimenticate il nome Impact. D’ora in poi, se vorrete continuare a sostenere, o semplicemente a parlare, della maggiore squadra di calcio del Québec bisognerà gridare sugli spalti (quando la pandemia lo permetterà di nuovo) o dire: “Forza CF Montréal”, dove “CF” sta per “Club de Foot”.

In una video conferenza stampa svoltasi la settimana scorsa, durante la quale hanno preso la parola il proprietario della squadra Joey Saputo, il presidente Kevin Gilmore, il codirettore della creazione del nuovo nome (insieme a Paul Labonté), Justin Kingsley e, in collegamento da Londra, l’allenatore Thierry Henry, è stata presentata la nuova immagine del club calcistico montrealese. Che piaccia o no, e le critiche ai cambiamenti non sono mancate, d’ora in poi bisognerà pensare in termini di “Club de Foot Montréal”.

Perché foot, parola con cui il calcio è conosciuto in tutta Europa e non soccer che invece indentifica il calcio in America del Nord?

«Perché noi siamo differenti, perché – ha spiegato il presidente Gilmore – la parola “foot” qui da noi è molto popolare, perché siamo un “ponte” tra l’Europa e il Nord America e perché siamo la sola “isola francofona” in America del Nord e dobbiamo assumere questa nostra differenza».

Perché un cambiamento? «Perché all’origine – ha risposto – quando nel 1992 è nato il nome Impact, Joey Saputo voleva che la squadra avesse un “impatto” sullo sport in questa città e in questa Provincia. Missione compiuta. Oggi la squadra fa parte della MLS, il numero di giovani che gioca al calcio aumenta costantemente e la nostra Accademia è sinonimo di eccellenza. Ma è tempo di evolvere e di passare ad altro».

 

“Droit devant”

E nella ricerca di questo altro sono stati determinanti alcuni elementi identitari della nostra città, primo fra tutti la sua  interculturalità. «Una città fondata più di 375 anni fa da 5 popoli, di cui 4 erano popoli immigrati, con 3 lingue parlate, francese, inglese e mohawk. Oggi – hanno spiegato i responsabili di questo restyling – è una città dove si parlano almeno 30 lingue materne, una città inclusiva, aperta, che si evolve e progredisce con il contributo di tutti.  La squadra è all’immagine della città. Giocatori che vengono da ogni parte del mondo ma quando sono sul campo sono una sola cosa, hanno un solo obiettivo comune, come un fiocco di neve che si salda agli altri per formare un muro ipenetrabile, per andare dritto all’obiettivo, “Droit devant”, come recita appunto il nuovo slogan della squadra.

 

Il nuovo logo

«E noi – ha aggiunto Gilmore – abbiamo il privilegio di rappresentare la città di Montréal e di esserne gli ambasciatori nel mondo.

Il nuovo logo della squadra

Tutti questi elementi, infine, si ritrovano riassunti nel nuovo logo dell’Impact composto da una serie di “M” e di frecce (allusione al logo della metropolitana e quindi al movimento e alla connessione) di colore grigio su fondo nero in circolo a formare un fiocco di neve; dalla scritta “Club de Foot Montréal” ripetuta due volte e intervallata dai gigli e da un ulteriore cerchio blu a simboleggiare i fiumi che circondano l’isola di Montréal.

Dunque i tre nuovi colori della squadra: il nero, il grigio e il blu che comporranno anche la nuova maglietta del CF Montréal che sarà presentata a febbraio.

Ricapitalondo: via il nome Impact per Club de foot Montréal e via i blu-bianco-neri per i blu-grigio-neri con un solo obiettivo: “Droit devant”.