Calcio
19:21pm18 dicembre 2017 | mise à jour le: 18 dicembre 2017 à 19:21pmReading time: 2 minutes

Il Napoli si riprende la testa. Hamsik raggiunge Maradona

Inter sconfitta in casa Dll’Udinese. Juve e Roma si avvicinano

Tutta la grinta e la determinazione di capitan Hamsik. Lo slovacco, 30 anni, è al Napoli dalla stagione 2007-08. È capitano anche della sua nazionale

ANSA

La copertina della 17ma giornata di Serie A spetta di diritto al Napoli e per due motivi. Approfittando dell’imprevista sconfitta dell’Inter, crollata in casa sotto i colpi in contropiede dell’Udinese, i partenopei sono tornati al comando della classifica “passeggiando” a Torino (3 gol nella prima mezz’ora).

Il secondo motivo si chiama Marek Hamsik. Il capitano dei partenopei, realizzando a Torino la rete del 3-0 ha raggiunto il record di segnature in azzurro, 115 gol, che apparteneva finora a Diego Armando Maradona.

L’Inter subisce il primo ko stagionale. Dopo aver affrontato le prime 16 giornata a tutto vapore, i nerazzurri sembrano essersi presi una “pausa di riflessione”. Che sia solo una pausa? La sconfitta con l’Udinese, non certo la prima della classe, deve far riflettere; non è la prima volta che le squadre di Spalletti, ad un certo punto, hanno il fiato corto!

Chi invece sembra aver ripreso la sua tradizionale marcia spedita è la Juventus che ha “asfaltato” un Bologna volenteroso ma sterile. Allegri, senza farsi troppi scrupoli, ha messo in panchina il gioiello Dybala. Risultato: si vince lo stesso e senza problemi; quando il collettivo vale più del singolo.

Di riffe o di raffe la Roma rimane a ridosso delle prime. A regalare 3 punti preziosi ai giallorossi, molto confusionari in attacco (Perotti ha sbagliato un rigore, Schick e Dzeko si pestano i piedi), nella gara interna contro il Cagliari, è stato il centrale difensivo Fazio al 94′. Un po’ di fortuna non guasta, l’importante, per Di Francesco, è rimanere in scia e sabato si preannuncia un Juventus-Roma da leccarsi i baffi!

Per quanto riguarda le altre partite spicca il divertente 3-3 tra Atalanta e Lazio (da sottolineare le doppiette di Ilicic per i bergamaschi e di Milinkovic-Savic per i biancazzurri) e il deprimente 3-0 subito dal Milan a Verona. La “cura-Gattuso” sembra non funzionare, qualcuno già rimpiange … Montella!

Infine, soprendente sconfitta interna della Sampdoria ad opera del Sassuolo (Matri al ’90). Dopo aver conosciuto i “fasti” della vittoria contro la Juve i doriani hanno perso due volte consecutive in casa. Il “marinaio con la pipa” sembra essersi arenato sugli scogli di Genova!