Calcio
20:57pm8 gennaio 2018 | mise à jour le: 8 gennaio 2018 à 20:57pm

Inter e Roma frenano, Napoli e Juve allungano

Immobile, un "poker" d’autore. Mazzarri vince all’esordio

Ciro Immobile si porta a casa il pallone del poker alla Spal

ANSA

Niente di nuovo, o quasi, in vetta alla classifica della Serie A dopo la 20 giornata, la prima del girone di ritorno. Il Napoli ha assolto il suo compito senza troppi affanni sbarazzandosi facilmente del Verona con le reti di Koulibaly e Callejon. I bianconeri, invece, sono passati a Cagliari con molta fatica e tante polemiche. Bernardeschi, firma il gol della vittoria ma i sardi recriminano prima su un possibile fallo all’inizio dell’azione che porta al gol e poi su un tocco di mano in area dello stesso Bernardeschi.  L’arbitro non consulta nemmeno il Var scatenando le proteste dei padroni di casa.

L’Inter e la Roma non sanno più vincere. I nerazzurri si fanno raggiungere proprio nel finale da una Fiorentina caparbia e mai doma. All’ennesimo gol di Icardi (il 18mo) risponde il “cholito” Simeone (il figlio di Diego, ex nerazzurro, ora allenatore dell’Atletico Madrid).

La Roma, sempre più “asfittici” in zona gol, sembra aver smarrito la strada del bel gioco e della convinzione. Un’ottima Atalanta sbanca l’Olimpico con le reti di Cornelius e De Roon nei primi 20 minuti. A niente serve il ritorno di Dzeko al gol nel secondo tempo. I giallorossi sono in piena crisi d’identità. Di Francesco dovrà lavorare molto per riportare i suoi alla ribalta del campionato.

Chi invece viaggia a vele spiegate è la Lazio di “Ciro il grande”. I suoi 4 gol alla Spal, più quello di Luis Alberto, hanno permesso ai biancazzurri di strapazzare gli emiliani e di sorpassare i cugini della Roma in classifica. Ciro Immobile è sempre più capocannoniere delle Serie A con 20 reti. Da sottolineare l’ottimo ritorno in panchina, quella del Toro, di Walter Mazzarri. I suoi hanno battuto nettamente il Bologna per 3-0 con reti di De Silvestri, Niang e Iago Falque.

Da notare, infine, il primo, rocambolesco, gol di Bonucci con la maglia del Milan (la palla gli è rimbalzata praticamente sulla testa) che ha permesso ai rossoneri di battere il Crotone e la seconda vittoria in Serie A del Benevento a spese di una Sampdoria sempre più imprevedibile. Per i campani doppietta di Coda e gol di Brignola, per i doriani hanno segnato Quagliarella (la 12ma) e Kownacki.