Calcio

Mancini convoca 26 giocatori per la sfida contro Armenia e Finlandia

Mancini convoca 26 giocatori per la sfida contro Armenia e Finlandia
Photo: AnsaRoberto Mancini

C’è Luca Pellegrini. Non ci sono Zaniolo e Kean. È una sola la novità assoluta nell’Italia che Roberto Mancini si appresta a mandare in campo a Erevan ed Helsinki per consolidare il primato nel girone di qualificazione a Euro 2020, e porta il nome del ventenne terzino del vivaio Roma ceduto in estate alla Juve e tornato in prestito al Cagliari.

Ma nell’opera di ricerca di nuovi talenti, questa volta Mancini ha scelto di rinunciare a Moise Kean, il millenial protagonista a giugno con l’azzurro e poi ceduto dalla Juve all’Everton, e Nicolò Zaniolo. I due compaiono nel gruppo dell’Under 21 chiamato dal successore di Di Biagio, Nicolato: quella è la loro età, ma non sfugge che la ‘retrocessione’ avviene dopo il caso del ritardo alla riunione tecnica all’Europeo di categoria, che spinse Di Biagio a escludere i due azzurrini.

Tra i 26 azzurri di Mancini, confermato il portiere dell’Atalanta Gollini; il centrocampo conferma le scelte dei giovani Barella e Sensi, andati quest’anno a rafforzare il reparto nerazzurro di Antonio Conte; in attacco niente da fare per Zaza, alle prese con una distorsione al ginocchio, come punta centrale c’è Lasagna dell’Udinese con Immobile e Belotti. Fiducia al ‘cinese’ El Shaarawy.

Il raduno lunedì a Bologna, scelta dal ct per comodità logistica vista la brevità del ritiro: mercoledì si parte già per l’Armenia, dove giovedì alle 18 si gioca, e poi il 6 spostamento ad Helsinki, per la partita con la Finlandia di domenica 8 (ore 20.45).

Gli azzurri guidano il loro girone con 4 vittorie su 4, e proprio Finlandia e Armenia sono le inseguitrici più vicine, rispettivamente a -3 e -6; dunque, fondamentale sopratutto la partita di Helsinki.

Intanto, si raduna anche la nuova Under di Nicolato, promosso dall’U.20 alla squadra di categoria superiore dopo il flop degli azzurrini nell’europeo casalingo. Venticinque i giocatori chiamati, oltre a Zaniolo e Kean 12 volti nuovi. Primo impegno il 6 settembre a Catania, in amichevole con la Moldavia, poi a Castel di Sangro c’è il Lussemburgo per le qualificazioni europee, l’11.